Roma: Jordi Savall in “Battaglie e Lamenti”


4 Feb 2003 - News classica

Roma. Balli, pavane,sinfonie e cantate ispirate alle battaglie e lamenti , come dice il titolo, dal Lamento d'Arianna e Volgendo il ciel per l'immortal sentiero di Monteverdi alla Chanson intorno a Roland di Scheidt e Lasciate averno di Rossi. Una serata rinascimentale con Jordi Savall alla direzione del gruppo strumentale Hespèrion XXI e del gruppo corale Capella Reyal de Catalunya, venerdì 7 febbraio alle ore 21 all'Auditorio di Via della Conciliazione per la stagione da camera di Santa Cecilia.
Riuniti intorno ad un intento comune (lo studio e l'interpretazione della musica antica basati su premesse nuove e moderne) ed affascinati dall'immensa ricchezza del repertorio musicale ispanico ed europeo prima del 1800, Jordi Savall (archi), Montserrat Figueras (voce), Lorenzo Alpert (fiati e percussioni) e Hopkinson Smith (strumenti a corde pizzicate) fondarono nel 1974 l'ensemble Hespèrion XX, dedicato all'interpretazione e rivalutazione di alcuni aspetti essenziali di questo repertorio. Con il nuovo millennio, Hespèrion rimane ancora valido strumento di ricerca e, come tale, ha aggiunto al proprio nome il numero romano corrispondente al nuovo secolo appena iniziato. Il gruppo pertanto diverrà da ora in poi Hespèrion XXI. Un repertorio così vasto richiede formazioni varie, ed esige eccezionale virtuosismo e profonda conoscenza dei diversi stili da parte degli esecutori.
Jordi Savall è nato a Igulada (Barcellona) nel 1941. Inizia gli studi musicali all'età di 6 anni facendo pratica in un coro di bambini della sua città natale e studiando il violoncello al conservatorio di Barcellona fino al 1965. Esploratore avido di nuovi orizzonti, avverte rapidamente l'importanza della musica antica. Rivalorizza la viola da gamba, strumento praticamente dimenticato, così come il patrimonio musicale sconosciuto della penisola iberica. Completa la sua formazione presso la Schola Cantorum Basiliensis dove nel 1973 succede al suo maestro August Wenzinger. A partire dal 1970 incide come solista i capolavori del repertorio per viola da gamba. Viene rapidamente riconosciuto dalla critica internazionale come uno dei più grandi interpreti di questo strumento. Scopritore instancabile di opere dimenticate, crea tra il 1974 e il 1989 diversi complessi che gli permettono di interpretare un vasto repertorio che spazia dal Medio Evo ai primi anni del XIX secolo. Nel 1974 Savall crea l'ensemble Hespèrion XX , nel 1987 la Capella Reial de Catalunya e nel 1989 Le Concert des nations. Con la sua partecipazione al film di Alain Corneau Tutte le mattine del mondo , che ha ricevuto 7 Cèsar, tra cui quello per la migliore colonna sonora, ha dimostrato che la musica antica non è necessariamente elitaria e che può interessare anche un pubblico sempre più giovane e più vasto.

Auditorio di Via della Conciliazione Venerdì 7 febbraio ore 21
Informazioni e biglietti:
tel. 06 68801044
www.santacecilia.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.