Premio città di Recanati: il programma


24 Mag 2004 - News live

Bologna al Festival della canzone d'autore di Recanati

Anche Bologna sarà presente al prestigioso Premio Recanati con una propria rappresentanza. Il fatto curioso è che a costituirla non sono musicisti puri ma due medici. Il panorama musicale italiano non è certo nuovo a queste contaminazioni professionali visti alcuni precedenti illustri come Paolo Conte (avvocato), Enzo Jannacci (medico) e, ultimo in ordine di tempo, Gian Maria Testa che ha preferito al mestiere di ferroviere quello del cantautore.
Questa è la volta di Vincenzo Cennamo e Carlo Fabbri, medici dell'Ospedale Bellaria che presentano fuori concorso un brano dal titolo Il malato immaginato.
Il malato immaginato è più di una canzone, è un avviso interiore ai naviganti lanciato da due gastroenterologi, due indagatori di visceri, in qualche modo due decifratori di significati. E' un invito a prevenire lo sfratto della consapevolezza dal proprio corpo e dal suo rapporto con la sfera delle emozioni e del cuore; è l'indicazione di una via per evitare che la malattia sia quel pensiero che ci coglie puntualmente di sorpresa.
La prima esecuzione in pubblico de Il malato immaginato scritta da Cennamo e Fabbri, che ne è anche l'interprete, e musicata da Cennamo e Bonora, quest'ultimo infermiere presso il medesimo ospedale, avrà luogo venerdì 28 maggio al Premio Città di Recanati e verrà preceduta dall'amichevole intervento di Lucio Dalla. Dalla, assieme ad Alessandro Bergonzoni, è tra i più convinti sostenitori di un progetto che vedrà coinvolti i due medici bolognesi nella realizzazione di un intero album di canzoni con annessi scritti sul concetto di prevenzione come percorso condiviso tra medico e paziente al fine di capire il significato della malattia e tracciare una nuova figura di medico curante. C'è da pensare che con tali padrini si sentirà parlare de Il malato immaginato anche dopo l'evento di Recanati.
______________________________________________________

IL PROGRAMMA DEI TRE GIORNI

GIOVEDI 27 MAGGIO 2004
Ore 17.15
Aula Magna Palazzo Comunale

La musica di qualità in radio e televisione: un rapporto impossibile?
Intervengono:
Franco Bixio – Presidente A.F.I.
Domenico Del Prete – Presidente IMAIE
Stefano Micocci – Relazioni esterne SIAE
Enzo Mazza – Direttore generale F.I.M.I.
Michele Torpedine – Produttore manager
Celso Valli – Maestro arrangiatore
Mario Baldassarri – Parlamentare A.N.
Renzo Lusetti – Parlamentare Margherita
Conduce
Giorgio Verdelli
commento musicale di: BandaSbanda

Ore 20,45
Policentro 2000

Prima finale del Premio città di Recanati

– Luca Bassanese
– Viola Buzzi
– Rocco Cucovaz
– Federico Sirianni

Reading poetico di:
Ennio Cavalli e Roberto Pazzi
commento musicale di:
Isa Grace

“La neve se ne frega”
Analisi di un romanzo
con Fernanda Pivano e Luciano Ligabue

Baedeker d'Autore
con Antonello Venditti e Enzo Gentile
Alessandro Centofanti (tastiere)
Amedeo Bianchi (sax)

VENERDI 28 MAGGIO 2004
Ore 16,30
Granaio di Villa Colloredo Mels

Andiamo a rubare: il furto si addice a un poeta, omaggio a DARIO BELLEZZA
Intervengono:
Rosa Balivo – Ennio Cavalli – Piera Degli Esposti – Rosa Di Brigida – Marta Marzotto – Elio Pecora

Conduce
Alberto Bertoni
commento musicale di: BandaSbanda

Ore 20,45

Seconda finale del Premio città di Recanati

– Maler
– Giovanna Panza de Cortes
– Maria Pierantoni Giua
– Piero Sidoti

Proclamazione dei vincitori delle borse di studio:
Per la migliore interpretazione in collaborazione con IMAIE
Per il migliore testo in collaborazione con il Premio GRINZANE CAVOUR
Per la migliore musica in collaborazione con SIAE

Bungaro

“L'amore non è muto”
con Piera Degli Esposti e Patty Pravo

“Le due facce di Roma”
con Orchestra di Piazza Vittorio e Francesco Di Giacomo

“Il malato immaginato”
Lucio Dalla
Vincenzo Cenammo, Carlo Fabbri, Daniele Bonora

SABATO 29 MAGGIO 2004
Ore 20,30
Policentro 2000

Finalissima del Premio Recanati

Proclamazione dei vincitori del:
– 1 Premio e Borsa di studio
– Premio della critica

Amalia Grè

Pacifico

“Nel mio spazio interiore”
Mariano Deidda interpreta Fernando Pessoa
con
Fulvio Chiara (tromba)
Ines Hrelja (violoncello)
Nino La Piana (piano)
Rita Ramos (voce recitante)
Ives Rossignol (contrabbasso)
Luca Zanetti (fisarmonica)

Info:
www.musicultura.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.