Il Festival “Jazz e altro” in Puglia


21 Ago 2001 - News live

Sciolte le riserve finali, causate dai ritardi fisiologici imposti agli Enti Locali dalle elezioni del maggio scorso, torna anche quest'anno il Festival Internazionale “JAZZ e ALTRO”. La manifestazione, organizzata come di consueto dalla M.I.A. Musicisti Italiani Associati di Bari, è diretta da due musicisti che sin dal suo esordio ne hanno caratterizzato il lavoro, Aldo Bagnoni, Presidente della M.I.A., e Nicola Pisani, Direttore della Dolmen Orchestra, e gode del sostegno della Provincia di Bari, dei Comuni di Altamura, Gravina in Puglia e Noci, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali/Dipartimento dello Spettacolo e della Regione Puglia.
La settima edizione estiva del festival si svolgerà dal 5 al 9 Settembre, articolata tra i comuni di Altamura, Gravina in Puglia e Noci. Nel corso delle cinque giornate si terranno dieci concerti (secondo il calendario allegato), con formule che andranno dal solo all'orchestra, e vedranno anche la presenza di produzioni originali, come è tradizione consolidata del festival pugliese. Per permettere la massima partecipazione ed apertura al pubblico, specie quello giovanile, i biglietti di ingresso vedranno prezzi “politici” assolutamente abbordabili.
Il programma è imperniato su diverse direttrici che da sempre caratterizzano “JAZZ e ALTRO”: ad esempio la musica di ricerca, ben rappresentata da una produzione originale, nata in seno alla stessa M.I.A., come il nuovissimo progetto “Minotrauma” della Dolmen Orchestra, basato su di un lavoro dello scrittore elvetico Friedrich Dà rrenmatt e da lui dedicato alle ragioni del Minotauro e della diversità . Inciso su cd per l'etichetta britannica LEO Records, “Minotrauma” ospita il talento consolidato del trombonista francese Yves Robert e verrà presentato in prima assoluta da “JAZZ e ALTRO” a Gravina in Puglia. Nella sua esibizione nella città di Noci, già sede di un altro storico festival di jazz quale l'”Europa Jazz Festival”, alla formazione pugliese che viene oramai segnalata dalla stampa internazionale come una delle formazioni più interessanti emerse in questi ultimi anni dall'Italia, si unirà il poeta e musicista Vittorino Curci, che di quella rassegna è stato il fondatore. Con questa operazione si intende quindi sottolineare la contiguità e la collaborazione che spesso accomunano il lavoro di alcuni festival pugliesi, ben noti in ambito internazionale perchè luoghi di libera espressione della ricerca musicale.
La ricerca è ovviamente testimoniata anche dall'inserimento in cartellone di gruppi di fama internazionale, come il duo di Louis Sclavis e Vincent Courtois o il trio dello stesso Yves Robert; quest'ultimo si esibirà anche in completa solitudine, come fa da oltre un decennio ed allo stesso modo di un altro ospite, sempre francese (da diversi anni, l'esplorazione e la creazione di rapporti musicali tra l'Italia e la Francia è un ulteriore tema collaterale della rassegna), il fenomenale violoncellista Vincent Courtois, vero e proprio astro emergente della musica europea in tempi recentissimi..
Un approccio più espressionista e più legato a musiche altre, ma contigue al centro nevralgico del jazz contemporaneo, come la passionalità del tango o il cabaret mitteleuropeo, sarà quello costituito invece dalla presenza di gruppi come il sestetto pugliese Alma Danà ante – vincitore nel 1999 del primo premio nella sesta edizione del “Concorso Internazionale Astor Piazzolla” di Castelfidardo – che ospiterà il clarinettista e sassofonista emiliano Achille Succi (anch'egli un talento in piena ascesa), e il Mat Open Quartet, guidato dall'estrosa cantante bolognese Cristina Zavalloni, una vocalist richiesta oramai in tutta Europa.
L'impegno civile è un'altra voce già da tempo nel bilancio artistico di “JAZZ e ALTRO”: questo aspetto nel 2001 sarà rappresentato da due spettacoli: da un lato il singolare gruppo “a cappella” genovese Voci Atroci, diretto dal vocalist e performer Andrea Ceccon, spettacolo che “JAZZ e ALTRO” intende dedicare alla memoria dei recenti, tragici eventi avvenuti durante il vertice G8, svoltosi proprio nella loro città di origine; dall'altro “Or che strana Per il bambino violato”, una coproduzione tra la M.I.A. e la Cooperativa Atlantide di Catanzaro dedicata al fenomeno dilagante della pedofilia e della violenza sui minori, che vedrà in scena due attori ed un'orchestra giovanile di oltre 40 giovani musicisti calabresi – comprendente anche un coro vocale – diretta da Nicola Pisani (sassofonista e compositore pugliese alla testa anche della Dolmen Orchestra). Al concerto sarà inoltre collegata una raccolta di firme per un'iniziativa legislativa contro gli abusi sui bambini.

Info: 0883/507508 368/3624318 miapisani@tin.it

080/5331125 349/2882591 abagnoni@tin.it

Ufficio Stampa M.I.A.

Il Festival Internazionale “JAZZ e ALTRO” aderisce a “JAZZ IN FESTA”, il coordinamento dei festival di jazz a cura dell'Assessorato alla Cultura della Provincia di Bari.

PROGRAMMA

5 settembre:Gravina in Puglia
Alma Danà ante + Achille Succi (h. 21.00) produzione originale
Cristina Zavalloni Mat Open Quartet(h. 22.00)

6 settembre: Noci
Dolmen Orchestra + Yves Robert e Vittorino Curci (h. 21.00) produzione originale

7 settembre: Gravina in Puglia
Vincent Courtois solo (h. 19.30)
Louis Sclavis/ Vincent Courtois duo (h. 21.00)
Dolmen Orchestra + Yves Robert “Minotrauma” (h. 22.00) produzione originale

8 settembre: Altamura
Yves Robert Trio (h. 21.00)
Or che strana per “Il bambino violato” dir. M Nicola Pisani (h. 22.00) coproduzione M.I.A. Coop. Atlantide (CZ)

9 settembre: Altamura
Yves Robert solo (h. 21.00)
Voci Atroci (h. 22.00)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.