Alessio Vlad direttore artistico ad Ancona


24 Mar 2004 - News classica

I Consiglieri della Fondazione hanno affrontato, lo scorso 8 marzo, il primo cambio di guardia alla direzione artistica della Stagione Lirica: un momento importante e delicato per ogni teatro che il Consiglio ha affrontato con serenità e con una certa dose di coraggio designando all'unanimità Alessio Vlad e pensando, di conseguenza, alla dimensione europea del Massimo dorico. D'altra parte l'alto livello della rosa dei candidati alla direzione dimostra la visibilità raggiunta e le potenzialità future delle Muse. E Vlad, nella sua specifica proposta progettuale inviata nei giorni scorsi ai Consiglieri, rilancia la sfida a livello europeo, appunto, garantendo anche la continuità e lo svolgimento del cartellone firmato dal suo predecessore Claudio Orazi. A quest'ultimo vanno i ringraziamenti del Consiglio di Amministrazione. Alessio Vlad, il nuovo direttore artistico della Stagione Lirica delle Muse con incarico triennale, trova ad Ancona una situazione di stabilità e trasparenza. Di fatto, la Fondazione Muse è riuscita, in poco più di un anno, nel difficile compito di far convivere nel medesimo spazio i soggetti culturali più qualificati della città , con i quali ha stabilito collaborazioni e progetti di coproduzione (Form, Amici della Musica, Coro Lirico, Associazione Musica Klezmer, Jazz Festival, Teatro del Canguro, Istituto Musicale Pergolesi). Ma la scommessa più ardita della Fondazione riguarda la produzione degli spettacoli di una Stagione Lirica ritrovata dopo 59 anni di assenza. Le due stagioni sin qui realizzate parlano di un ritorno del belcanto ad Ancona in grande stile, sotto lo sguardo attento di osservatori italiani e stranieri. Un exploit produttivo che ha potuto contare sulla collaborazioni di importanti enti lirici nazionali che, oltre a ridurre i costi, ha immesso le Muse in quel qualificato circuito nazionale di sale teatrali dove i nostri spettacoli continuano a girare. E non solo. L'attività culturale della Fondazione ha saputo suscitare l'interesse di importanti aziende come la Fineldo del Gruppo Merloni o la Angelini divenuti soci fondatori come gli istituti bancari Fondazione Cariverona, Banca Popolare di Ancona, oltre alla Camera di Commercio, alla Provincia. E, sul versante del pubblico, continua a incontrare evidente successo per ogni evento proposto oltre a coinvolgere gli studenti delle scuole e gli universitari nell'ambito di un progetto di formazione dello spettatore consapevole. Un meccanismo culturale che produce un crescente indotto lavorativo e una specializzazione nei diversi mestieri dell'arte scenica.

ALESSIO VLAD
Direttore d'orchestra, compositore, organizzatore musicale. Figlio d'arte, nasce a Roma, inizia gli studi di Composizione al Conservatorio di S. Cecilia perfezionandosi poi in Direzione d'Orchestra con Franco Ferrara, Sergiu Celibidache e Bruno Campanella. Ha studiato successivamente con Leonard Bernstein assistendo poi il Maestro in numerose produzioni presso alcune delle più importanti orchestre del mondo. Dopo essere stato Maestro Sostituto al festival di Spoleto e al teatro dell'Opera di Roma su invito di Werner Henze ha debuttato come direttore d'orchestra al Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano. Da allora ha collaborato con orchestre italiane (Teatro Comunale di Bologna, Opera di Roam, Teatro Massimo di Palermo, teatro Lirico di Cagliari, Orchestra Toscanini, Orchestra Sinfonica Siciliana, Orchestra Rai di Torino) ed europee (Schleswig-Holstein Philarmonie, Philarmonie der Natinen, Dresden Philarmonie, Weimar Sttatskapelle). Ha avuto inoltre una intensa attività discografica con l'Orchestra da Camera di Santa Cecilia incidendo musiche di Puccini, Catalani, Pergolesi, Vivaldi. Come compositore ha collaborato per il teatro ed il cinema con registi come Cristina Comencini ( Vai dove ti porta il cuore , Liberate i pesci ), come Bernardo Bertolucci ( L'Assedio Globo d'Oro per la migliore colonna sonora italiana del 1999), Franco Zeffirelli ( Sei personaggi in cerca d'autore , Storia di una capinera , Jane Eyre , Un the con Mussolini , Callas for ever ), Giorgio Ferrara ( Tosca e altre due ). Dal 1991 è direttore artistico di Ravello Città della Musica dove ha creato un'orchestra giovanile collaborando con artisti come Frank Peter Zimmerman, Katia e Mariella Labeque, Misha Maisky, Aldo Ciccolini, Michele Campanella e altri ancora. Fa parte del Comitato Artistico dell'Accademia Filarmonica Romana. Nel 1999 è stato direttore artistico del Teatro Donizetti di Bergamo. Dal 1999 al 2002 è stato direttore artistico del Teatro Carlo Felice di Genova.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.