Web e musica, l’arte del ragno


a cura della Redazione

17 Apr 2021 - Commenti altre arti

Riprendiamo e pubblichiamo su gentile concessione di “WIGWAM NEWS” (Anno XXXI—Numero 30 – 17 APRILE 2021) l’interessante articolo Web e Musica: l’arte del ragno (Making music from spider webs).

“Il ragno vive in un ambiente di corde vibranti”, “Non vedono molto bene, quindi percepiscono il loro mondo attraverso le vibrazioni, che hanno frequenze diverse.” afferma Markus Buehler, Ph.D del Massachusetts Institute of Technology (MIT), il principale investigatore del progetto, che indaga sulle tematiche della tela del ragno e cioè di una struttura di un web in musica, che potrebbe avere applicazioni che vanno da migliori stampanti 3D alla comunicazione tra specie e composizioni musicali ultraterrene e c’è molta attesa e curiosità per I risultati che i ricercatori presenteranno all’incontro di primavera dell’American Chemical Society (ACS) che 2021 si terrà online dal 5 al 30 aprile. I ragni sono maestri costruttori, tessendo sapientemente fili di seta in intricate ragnatele 3D che fungono da casa del ragno e terreno di caccia. Se gli esseri umani potessero entrare nel mondo del ragno, potrebbero conoscere la costruzione del web, il comportamento degli aracnidi e altro an[1]cora. Buehler, che è stato a lungo interessato alla musica, si è chiesto se potesse estrarre ritmi e melodie di origine non umana da materiali naturali, come le ragnatele. “Le ragnatele potrebbero essere una nuova fonte di ispirazione musicale molto diversa dalla solita esperienza umana”, afferma. Inoltre, sperimentando una rete attraverso l’udito e la vista, Buehler e colleghi insieme al collaboratore Tomás Saraceno allo Studio Tomás Saraceno, speravano di ottenere nuove intuizioni sull’architettura 3D e sulla costruzione di ragnatele. Questa conoscenza “passo-passo” di come un ragno costruisce una ragnatela, secondo i ricercatori, potrebbe aiutare a ideare stampanti 3D “che imitano i ragni” che costruiscono microelettroniche complesse. “Il modo del ragno di “stampare” il web è notevole perché non viene utilizzato materiale di supporto, come spesso è necessario negli attuali metodi di stampa 3D”, affermano. Partendo da questo concetto i ricercatori hanno scansionato una ragnatela naturale con un laser per catturare sezioni trasversali 2D e poi hanno utilizzato algoritmi informatici per ricostruire la rete 3D del web. Il team ha assegnato diverse frequenze del suono a fili del web, creando “note” che hanno combinato in modelli basati sulla struttura 3D del web per generare melodie. I ricercatori hanno quindi creato uno strumento simile a un’arpa e suonato la musica di ragnatela in diverse esibizioni dal vivo in tutto il mondo. Incredibile! “L’ambiente della realtà virtuale è davvero intrigante perché le tue orecchie raccoglieranno caratteristiche strutturali che potresti vedere ma non riconosceranno immediatamente”, afferma Buehler. “Sentirlo e vederlo allo stesso tempo, puoi davvero iniziare a capire l’ambiente in cui vive il ragno.” Il team ha provato anche a imparare a comunicare con i ragni nella propria lingua, registrando vibrazioni web prodotte quando i ragni eseguivano diverse attività, come la costruzione di una rete, la comunicazione con altri ragni o l’invio di segnali di corteggiamento. “Ora stiamo cercando di generare segnali sintetici per parlare fondamentalmente il linguaggio del ragno”, afferma Buehler. “Se li esponiamo a determinati schemi di ritmi o vibrazioni, possiamo influenzare ciò che fanno e possiamo iniziare a comunicare con loro? Queste sono idee davvero eccitanti” (1). Straordinario davvero, la natura non finisce mai di stupirci!

(1) American Chemical Society. “Making music from spider webs.” ScienceDaily. ScienceDaily, 12 April 2021. http://www.sciencedaily.com/releases/2021/04/210412084542.htm

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *