“VETRO, ARTISTI E DESIGNER MILANESI 1976-2023ˮ al Book City Milano


a cura della Redazione

22 Nov 2023 - Arti Visive, Libri, Varie

Nella settimana di Book City Milano è stato presentato il volume “VETRO, ARTISTI E DESIGNER MILANESI 1976-2023ˮ curato da Sandro Pezzoli.

Non doveva mancare la presentazione di un libro che raccogliesse gran parte del materiale artistico tutto dedicato ad artisti e a designer milanesi autori di opere di vetro. Il titolo può sembrare banale, VETRO, ARTISTI E DESIGNER MILANESI 1976-2023, ma il senso di curiosità viene insinuato allo scorrere del sottotitolo Quando le collezioni nascevano a tavola di quel volume a cura di quel Sandro Pezzoli, cultore e collezionista, che da sempre innamorato dell’arte vitrea, ora si concentra sul mondo milanese come produttore di vetro d’arte.

Venerdì 17 novembre dalle ore 17, nelle accoglienti sale del Circolo Culturale Famiglia Artistica Milanese al numero 17 di via E. De Amicis (neanche a farlo apposta: chi è superstizioso peste lo colga) il volume è stato tenuto a battesimo dal prof. Marco Bigoni (Consiglio Direttivo)il quale ha dato il via alla serata, indi da Laura Panno, Fiorella Mattio, Maria Christina Hamel, Cesare Castelli e naturalmente da Sandro Pezzoli, senza alcun intoppo e imprevisto, nella forma migliore e nella più calorosa accoglienza.

L’evento rientrava inoltre negli innumerevoli titoli della settimana Book City Milano 13-19 novembre.

Una sala gremita di ammiratori, intenditori e amanti del vetro e del suo fascino hanno avuto l’occasione di scoprire che il vetro d’arte non è solo veneziano ma anche milanese in quella Milano dove bene o male dagli anni ‘70 si è creato un polo che poco ha da invidiare ad altri luoghi della produzione ialina: Altare, Altino, Murano e ora anche Milano.

E ci voleva l’oratoria di Cesare Castelli, Presidente Milano Makers che, a far capire l’importanza della mostra VETRO, ARTISTI E DESIGNER MILANESI 1976- 2023 Quando le collezioni nascevano a tavola (ne abbiamo parlato qui: https://www.musiculturaonline.it/vetro-artisti-e-designer-milanesi-1976-2023-la-mostra/ n.d.r.), curata da Sandro Pezzoli, occorre parlare della straordinaria avventura del ristorante Scaletta. Castelli ricorda che “nel suo periodo più prolifico il design milanese ebbe in questo ristorante uno dei punti di riferimento, forse il punto di riferimento più alto, dove designer e artisti si ritrovavano non solo per gustare l’ottima cucina che veniva preparata e servita, ma anche per parlare e discutere delle problematiche del design e del mondo dell’arte milanese di quel periodo. Animato da Sandro Pezzoli e dal suo socio Aldo Bellini dal 1976 al 1996 il ristorante Scaletta diventò così un riferimento fondamentale per la cultura del design milanese. Frequentato da tutti i più importanti designer e da molti tra i principali artisti milanesi fu realmente un unicum sia nel mondo della ristorazione che in quello del design milanese.

“Riuscire a coniugare in modo irripetibile il piacere di stare a tavola circondati da opere di design in vetro di Murano frutto della creatività dei più importanti designer e artisti milanesi dell’epoca non è da poco”.

Quella civiltà ormai irrimediabilmente trascorsa, era forse consapevole di essere fugace e transitoria, che, pur nella frenesia della vita cittadina, sapeva trovare spazi e momenti di riflessione e contemplazione.

 “Prese forma così una importantissima collezione che oggi in parte è stata donata, grazie alla generosità di Sandro Pezzoli, al Museo di Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano. Questo alto mecenatismo trova pochi riscontri nella seconda parte del ‘900 e tanto più ancora oggi in questi primi vent’anni del nuovo millennio. La collezione riflette il grandissimo gusto di Sandro Pezzoli con pezzi veramente molto importanti, spesso unici per come sono stati realizzati e mette in luce una capacità realizzativa da parte degli artigiani di Murano che, purtroppo, in gran parte è andata perduta.

Ecco, quindi, che la mostra realizzata presso la galleria LOriginale di via Rossari 5 – locale gentilmente offerto dalla Sig.ra Marisa Pogliago da dove proviene la maggior parte dei materiali raffigurati nella pubblicazione -, è un altro ulteriore importante tassello di questo percorso culturale, in particolare della cultura del vetro soffiato muranese.”

La prolusione di Castelli con la sua fine e ammaliante oratoria proseguono in osservazioni innegabili che suscitano nostalgia e orgoglio.

“Oggi non siamo più abituati a questi fenomeni di mecenatismo che in passato sono stati sempre alla base della ricerca di nuove forme, ma anche di nuove tecniche di lavorazione del vetro. Oggi siamo abituati a prodotti algidi, seriali che spesso non hanno un’anima, o rispondono a criteri di marketing e non emozionano. Le opere nel campo del design sono sempre nate dal dialogo fra il committente, in questo caso il collezionista, l’autore, il designer, e l’esecutore, l’artigiano muranese, una triangolazione che è alla base della realizzazione dei grandi successi del made in Italy”.

Il circuito degli artisti presenti nel volume è irto di sorprese: chi penserebbe che certi artisti noti per tutt’altro si fossero dedicati anche al vetro? Queste sono le loro presenze con le proprie opere nel libro: ELIZABETH ARO, SERGIO ASTI, GAE AULENTI, DEDA BARATTINI, MARIO BELLINI, FULVIO BIANCONI, SERGIO CALATRONI, ANDREA CASCELLA, GIANFRANCO FRATTINI, BRUNO GREGORY, MARIA CHRISTINA HAMEL, ALESSANDRO MENDINI, OTTAVIO MISSONI, LAURA PANNO, VITTORIA PARRINELLO, LUCIO PERNA, FRANCA PETROLI, ARNALDO POMODORO, DANIELA PUPPA, FRANCO RAGGI ROBERTO, SAMBONET LUCA SCACCHETTI, MILA SCHÖN, ETTORE SOTTSASS, GREGORIO SPINI, EMILIO TADINI, MATTEO THUN e GIANNI VERSACE.

Continua amabilmente Castelli: “Un percorso virtuoso per realizzare sempre opere uniche e di grandissimo interesse, percorso emotivo e di commozione nello stesso tempo, una pratica culturale intrisa di quell’umanesimo che è stata alla base della realizzazione dei grandi capolavori del design italiano negli anni a cui stiamo riferendoci, cioè fra gli anni ‘70 e ‘90.

La collezione Pezzoli è resa ancora più preziosa proprio da questo approccio culturale che oggi come oggi è sempre meno praticato e che è invece di grandissima attualità.

Questa forma di sperimentazione continua sul campo dovuta proprio all’amore e alla passione di persone competenti è stato veramente fondamentale per lo sviluppo e la conoscenza del design italiano nel mondo e da quando purtroppo tutto questo si è interrotto per la logica dei numeri e del sopravvento degli uffici marketing il design italiano è scivolato in una forma di decadente manierismo da cui sostanzialmente non si è più rialzato.

È significativo notare che praticamente proprio dalla fine degli anni ‘90 non esista più un solo prodotto di design in vetro, o in legno, oppure in metallo, che possa essere considerato un capolavoro assoluto nel settore a livello mondiale e questo proprio perché è andata perduta questa modalità di approccio alla creatività.

Oggi la bandiera della creatività come esperienza e innovazione è affidata ai designer indi- pendenti che trovano ancora l’appoggio e il sostegno di pochi collezionisti illuminati come Sandro Pezzoli.”

Alla fine della presentazione lautamente applaudita, un vin d’honneur, affiancato da gustoso buffet per tutti gli intervenuti, ha concluso tematicamente la serata.

Un ringraziamento particolare al Presidente della Famiglia Artistica Milanese, Dr. Adelio Schieroni.

Sandro Pezzoli autografa il volume da lui curato

Altri articoli su Sandro Pezzoli in Musiculturaonline:

Tag: , , , ,

6 responses

  1. Mariarosa Tavazzani ha detto:

    Ho partecipato alla serata del 17/11/23
    Al Circolo dei Navigli per la presentazione del libro ‘vetro , artisti
    e designer milanesi 1976 – 2023 in occasione della presentazione del libro curato da Sandro Pezzoli
    Serata piacevolissima e interessante
    Grazie per l’opportunità

    1. Guillermo Quintero ha detto:

      E sempre un piacere partecipare agli eventi culturali presentati dal caro amico Sandro Pezzoli.
      É sempre una grande occasione per approfondire la conoscenza della lavorazione del vetro in tutte le sue sfaccettature, ricordando insieme i mastri vetrai e designer del passato ma soprattutto i contemporanei. Complimenti a tutti i partecipanti di questa bella serata e congratulazioni per il nuovo libro presentato .

  2. Francesca Sassu ha detto:

    Bellissimo ❤️ Persona di grande sensibilità e cultura, Sandro Pezzoli. Grazie all’articolo del Prof Zepponi

    1. Francesca Sassu ha detto:

      Rettifico. Articolo a cura della Redazione.

    2. Andrea Zepponi ha detto:

      Ma l’articolo non l’ho scritto io !!! È stata la redazione di musiculturaonline a fare un resocont che comunque io approvo e condivido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *