Un'esplosione di energia vitale chiamata Flamenco


Francesco Massi

31 Lug 2003 - Commenti classica

Civitanova Marche (MC) – Un'esplosione di energia vitale e di passionalità che travolge il pubblico, ne rapisce l'anima in un vento impetuoso di coinvolgimento e la fa volare sul palcoscenico per entrare nei meandri di questo ballo che sembra essere figlio del fuoco. Per quanto possano essere appropriate, però, le parole sono sempre molto lontane per descrivere, ma soprattutto per trasmettere, il turbinio ed il ciclone di emozioni che ha sprigionato questo Flamenco Directo del Nuevo Ballet Espaà ol, un altro degli appuntamenti squisiti che renderà ancor più memorabile questa decima edizione di Civitanova Danza. Il gruppo, formato da otto ballerini, è considerato tra le avanguardie del flamenco ispanico, diretto alla ricerca di un mix di tradizione gitana, accademica e contemporanea, appoggiando i suoi quadri sulla musica dal vivo del Gruppo Mahera composto da straordinari musicisti. Il flamenco ritrova così le sue caratteristiche più pure in una forma fortemente corale. Una particolare lettura che gli è valsa numerosi riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale sia da parte del pubblico che della critica. I musicisti, sullo sfondo del palcoscenico, danno il ritmo che parte sempre rallentato per crescere a cadenze scoppiettanti su vari brani di Flamenco mentre le due voci (Chiaro Manzano e Mara Rey) intonano melodie struggenti che incarnano la foga popolare, o incalzano i ballerini con un parlato che ricordano le voci di piazza pronte all'incitamento. Ed ogni prova, che sia assolo, duetto o di gruppo diventa una toreada dove la fisicità trova il massimo dell'espressione, dove il messaggio (ovvero emozione!) è diretto perchè passa attraverso quella prorompente spinta istintuale ben calibrata attraverso tanta tecnica, armonizzata ad una fascinosa eleganza.
Eccellenti tutti i ballerini a cominciare dai protagonisti degli assolo e stelle della compagnia Angel Rojas e Carlos Rodriguez che hanno curato anche le coreografie, ma da ricordare anche Ana Agraz Maria Jose Lopez, Celia Pareja, Marìa Vega, Rosa Rodrìguez, Ricardo Lòpez, Ivà n Martìn. Infine che dire! Se vi capita andate assolutamente a vedere questo spettacolo ..anzi a viverlo!
(Francesco Massi)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.