Torino: Settembre Musica il programma del 9


8 Set 2001 - News classica

Programma di domenica 9 settembre

Alle ore 17
al Conservatorio Giuseppe Verdi i solisti dell'Ensemble InterContemporain eseguono la Sonata per violino e pianoforte, la Fille aux cheveux de lin, preludio n.8 dal Primo Libro e la Sonata per violoncello e pianoforte di Claude Debussy; Segni, Giochi e Messaggi per archi e fiati, Otto Pezzi per pianoforte op.3 e Tre Pezzi per violino e pianoforte op.14e di Gyà rgy Kurtà g.

L'Ensemble InterContemporain è stato fondato nel 1976 da Pierre Boulez come strumento al servizio della musica del xx secolo. Formato da trentun solisti, attualmente ha come Direttore Musicale Jonathan Nott. Allo scopo di assicurare la diffusione della musica del nostro tempo, l'Ensemble si esibisce in circa settanta concerti per stagione sia in Francia sia all'estero, al di fuori dei concerti istituzionali, gli artisti che ne fanno parte hanno dato vita singolarmente a numerose formazioni cameristiche delle quali curano anche la programmazione. Ricco di più di 1700 titoli, il repertorio dell'Ensemble rispecchia una politica molto attiva sul versante della composizione, grazie anche ai suoi rapporti privilegiati con l'Institut de Recherche et Coordination Acoustique/Musique (Ircam), ma comprende anche alcuni classici della prima metà del secolo, nonchè le opere più significative scritte dopo il 1950. Stabilitosi nella sede della Citè de la Musique nel 1995, l'Ensemble ha incrementato la sua azione di sensibilizzazione del pubblico nei confronti della creazione musicale organizzando laboratori, conferenze e prove aperte al pubblico. In collaborazione con il Conservatorio di Parigi, l'Ensemble dà vita a stage di formazione di giovani professionisti, strumentisti o compositori, desiderosi di approfondire la conoscenza del linguaggio musicale contemporaneo.

Alle ore 21
presso la Chiesa dei Santi Martiri Silvia Cappellini, pianoforte; Stefano Micheletti, pianoforte; Sandro Verzari, tromba; Franco Fraioli, contrabbasso eseguono Rà ckblick di Gyà rgy Kurtà g e il Quartetto d'archi di Torino esegue Aus der Ferne III e V di Gyà rgy Kurtà g e Grande fuga in si bemolle maggiore di Ludwig van Beethoven.

Silvia Cappellini, nata a Roma, si è diplomata al Conservatorio di Santa Cecilia, perfezionandosi in seguito con Eugenio Bagnoli e Riccardo Bregola. L'intensa attività solistica l'ha portata a esibirsi con la Toronto Symphony, l'Orchestra filarmonica di Amburgo, quella della Radio di Basilea e con l'Orchestra da camera della Comunità Europea. Recentemente ha privilegiato l'attività cameristica, collaborando fra l'altro con i Solisti della Scala, il Nuovo Quartetto Italiano, il Santa Cecilia Ensemble e il Gruppo di Roma. Ha avuto un ruolo attivo nella fondazione dell'Ensemble Busoni, con il quale ha effettuato tournèe in Spagna, Messico e Repubblica Ceca, oltre che, nel 1994, dei Solisti dell'Accademia Filarmonica Romana, con i quali si è esibita in Italia, Germania e Venezuela.
Stefano Micheletti, nato a Roma nel 1955, si è diplomato giovanissimo in pianoforte con Lya De Barberiis e successivamente in composizione studiando con Ferdinandi, Guido Turchi e Irma Ravinale. Perfezionatosi all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, premiato al Concorso di Enna, nel 1983 ha vinto il Concorso Rendano.Come solista, ha tenuto concerti in Italia e all'estero. Protagonista di recital radiofonici e televisivi per RAI e Radio Vaticana, ha inciso due cd per la RCA.
Francesco Fraioli, già prima del diploma entra come vincitore di concorso nell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e poi all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dal 1986 è stato primo con-trabbasso dell'Orchestra Sinfonica di Roma della RAI e ha in seguito collaborato come prima parte con il Teatro San Carlo di Napoli e quello dell'Opera di Roma. Dal 1995 è docente di contrabbasso presso l'Istituto Briccialdi di Terni. Solista, camerista, sempre curioso di sperimentare nuovi contesti, ha suonato con svariati complessi vari generi musicali, passando ad esempio dai Solisti dell'Accade-mia Filarmonica Romana al Gruppo Musica d'Oggi, da Freon a Ulisse Passarella e Spaccanapoli.
Sandro Verzari, nato a Ronciglione (Viterbo), si è diplomato giovanissimo al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Vincitore di vari concorsi nazionali, è stato prima tromba presso il Teatro Massimo di Palermo, poi con i Virtuosi di Roma, per tournèe in tutto il mondo, e per molti anni ha ricoperto lo stesso ruolo presso l'Orchestra Sinfonica di Roma della RAI. Come solista, con un repertorio che varia dal barocco al contemporaneo, è stato ospite dei maggiori festival italiani e stranieri (a Spoleto, Napoli, Parigi, New York, Osaka ecc.), e ha suonato con successo per dodici anni in duo con l'organista Arturo Sacchetti.

L'ingresso a entrambi i concerti è gratuito e sarà consentito fino all'esaurimento dei posti a sedere (680 al Conservatorio e 250 ai Santi Martiri)

Per informazioni: tel. 011/442.4703 fax 011/443.4427
e-mail: settembre.musica@comune.torino.it

(a cura dell'Ufficio Stampa)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.