“THE LAST ODYSSEY” il nuovo album di Di Cioccio & Campanelli


a cura di Felice Capasso

7 Gen 2021 - Dischi

Nato come omaggio a Florian Schneider dei Kraftwerk “THE LAST ODYSSEY” è il nuovo album del duo DI CIOCCIO & CAMPANELLI.

Suoni analogici ed elettronica digitale si miscelano nel nuovo lavoro firmato da Paolo Di Cioccio e Pino Campanelli: “The Last Odyssey”.

Omaggio postumo al compianto Florian Schneider dei Kraftwerk, “The Last Odyssey” prende a piene mani dall’elettronica dei 60’s per proiettarsi fino ai giorni nostri, fra “deep groove” e ritmiche downtempo, midtempo, passando per i suoni iconici dell’elettronica 80’s fino a toccare techno e industrial.

Un’elettronica tanto viaggiante è la protagonista della musica di Di Cioccio & Campanelli con il loro “The Last Odyssey”. Come non pensare pure ad un certo Vangelis oltre che i Kraftwerk quando ascoltiamo quelle spirali sonore e quei tappeti ambient.

Krautrock, ambient, synth pop, industrial etc. per un progetto tanto sperimentale che mira a portare l’ascoltatore in un altrove ignoto grazie a pattern tanto mentali e riff pieni di appeal, tanto ipnotici. Come non dirlo, la musica di Di Cioccio & Campanelli è senza dubbio anche tanto sci-fi e cinematografica e potrebbe sicuramente far parte della colonna sonora di un film di fantascienza e mentre scriviamo questo stiamo ascoltando Dangerous Tricks la quale ci porta su un pianeta alieno. Parole simili possono essere usate anche per Beware of counter noise, canzone tanto evocativa in alcuni passaggi. Obsessed with the frequency ci offre questo synth davvero duro che ci violenta accompagnato da bagliori sonori sferzanti. Full dosage ci presenta un deep groove alternato con sonorità più luminose: tra le migliori canzoni del disco, un disco per coloro che amano il cyberpunk, lo sci-fi, l’industrial. Invece, Audio deluxe è più romantica ed è qui che pensiamo a Vangelis. Come non pensare pure ai Depeche Mode ascoltando l’album nel suo complesso. Romantiche pure More than electrical e la title-track The Last Odyssey: ascoltandole finiamo in una Parigi futuristica del 2090 o in una Hong Kong dello stesso anno.

Produzione davvero tanto buona, ricercatezza sonora, mixing tanto curato e pure il mastering: queste le migliori qualità tecniche e non di cui appuriamo la presenza.

Un esperimento ardito e ben concepito “The Last Odyssey”, un progetto electro di ampie vedute e di grande consapevolezza dei propri mezzi con certi “ancoraggi” ai mostri sacri su citati. L’elettronica oramai, con l’uso degli odierni programmi e strumentazione, ti permette di fare cose incredibili. Poi se mettiamo insieme analogico e digitale come hanno fatto Di Cioccio & Campanelli allora si ottengono cose ancora più incredibili…Per noi il voto per questo album è 85/100, un lavoro di alto livello e di respiro internazionale…

DICONO DEL LORO LAVORO

«Abbiamo voluto omaggiare la sperimentazione dell’analogico con la ricerca del “lirismo” nel digitale, attraverso continui richiami concettuali quali l’assenza di testi (a voler richiamare il fascino degli instrumentals hits degli anni ‘60), la contenuta durata dei brani (un omaggio ai 45 giri) ed attraverso i titoli. In particolare, il primo brano, Zauberspiegel, è il nome di uno dei primi, monumentali, televisori europei degli anni ‘50, che abbiamo trovato perfettamente funzionante presso un collezionista. Ecco: guardare un notiziario di ultim’ora attraverso valvole, condensatori e tubo catodico, rende perfettamente il concept del disco, ovvero l’unione armonica tra analogico e digitale, che si rincorrono, fondendosi. Ogni singolo titolo richiama questo connubio tra analogico e digitale, e tra suoni elettronici ed armonie, lungo un viaggio di coesione e fusione che offre citazioni di oltre mezzo secolo di evoluzione musicale. Titoli come Full Dosage, Obsessed by The Frequence e Super Modular Juicy rappresentano, come un sottofondo cinematografico, il percorso verso questa fusione. Unica citazione, per così dire “iconografica”, è quella del titolo del brano che chiude l’album, ovvero The Last Odyssey, in cui maggiormente si percepiscono echi dei Kraftwerk, a cavallo tra Autobahn e Tour de France, su una base ritmica in stile Depeche Mode».

“The Last Odyssey” nasce dal peculiare bilanciamento delle esperienze dei due: Di Cioccio, oboista con un background strettamente legato alla musica classica, e Campanelli, DJ old school proiettato verso l’elettronica.

«Abbiamo cercato punti di contatto nel nostro connubio anomalo tra un compositore di musica classica e un DJ old school. Abbiamo così trovato sonorità che siano contemporaneamente rievocative di quegli anni e, nello stesso tempo, richiamino qualche eco della prima techno».

In uscita per Aventino Music, “The Last Odyssey” è stato registrato, fra strumenti digitali e analogici (sintetizzatori Doepfer, Pioneer XDJ-R1), presso gli studi di Paolo Di Cioccio e, successivamente, masterizzato da Claudio Scozzafava, compositore e chief della Aventino.

«Le tracce sono state registrate presso la nostra “caverna del suono”, ovvero lo studio privato di Paolo, con componentistica e strumenti digitali. Unici strumenti analogici, i sintetizzatori Doepfer, per effetti e rumoristica, trattati anche attraverso una console Pioneer XDJ-R1. Il nostro lavoro è stato, poi, raffinato e impreziosito presso gli studi della Aventino Music da Claudio Scozzafava».

“The Last Odyssey” nelle parole di Di Cioccio & Campanelli, track-by-track

ZAUBERSPIEGEL 791: una frase suggestiva, semplice e romantica, mescolata con coinvolgente trama di basso in una sequenza ritmica downtempo.

SUPER MODULAR JUICY: una celebrazione di strumenti elettrici/analogici in un suggestivo moderato tempo evocativo.

DANGEROUS TRICKS: un’intrigante colonna sonora di una storia industriale immaginaria nei primi anni ‘80, con un arrangiamento suggestivo di grandi dimensioni.

OBSESSED WITH THE FREQUENCY: un “deep groove” in stile anni ‘90 per descrivere la malattia compulsiva di un operatore industriale: molto suggestivo.

BEWARE OF COUNTER NOISE: un grande tema e un arrangiamento elegante per descrivere l’attenzione di un operatore industriale nell’era analogica.

FULL DOSAGE: altro “deep groove” ispirato al suono dei treni, dell’aeroporto, del lavoro industriale e di tutto ciò che gli sta intorno.

AUDIO DELUXE: un iconico midtempo ispirato al rumore armonico di un potente motore di un vecchio motoscafo di lusso.

FEAR AND DOUBTS: una descrizione autobiografica nello stile anni ‘80 del lavoro ordinario di un cervello umano tra ansia quotidiana.

MORE THAN ELECTRICAL: un tipico tema lento per descrivere un tuffo negli spazi profondi della mente umana con un imponente arrangiamento di grandi dimensioni.

THE LAST ODISSEY: un breve e potente tributo, in stile 45 giri, all’amorevole memoria di Florian Schneider, che ha influenzato gran parte degli anni ’80, la techno e il rap moderni.

BIOGRAFIE:

PINO CAMPANELLI: DJ della prima ora, negli anni ’70, con l’avvento delle radio libere, e poi in discoteche e club, Pino Campanelli diventa da subito uno fra i più assidui selezionatori del NyLon, a Trastevere, ed in numerosi altri templi della movida romana, in crew con Paolo Tedeschi e Dario Iacobellis. Collabora, dando vita, al progetto di musica elettronica dei Le Borg, insieme a Paolo Di Cioccio, dove si occupa della stesura dei testi e per quanto riguarda la parte musicale legata al digitale. Oltre al progetto Le Borg, collabora alla realizzazione di alcuni lavori da solista di Paolo di Cioccio e realizza alcuni remix per conto di altri autori, nonché jingle e spot pubblicitari.

PAOLO DI CIOCCIO: Paolo Di Cioccio è oboista, docente di conservatorio e compositore.

Nella sua attività come compositore ha composto e inciso numerosi lavori pubblicati per Rai Trade, Valle edizioni, Musica Maxima Magnetica, vdm e Aventino Music, tra i vari. Fonda, insieme a Pino Campanelli, il progetto elettronico Le Borg, con cui realizza diversi album e concerti dal vivo. Scrive musiche per commenti radio televisivi, documentari e teatrali. Oltre l’oboe e i sintetizzatori, suona il theremin, a cui ha dedicato 2 album negli anni 2000.

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *