Il “Nabucco” a Jesi dopo 30 anni


6 Ott 2003 - News classica

Torna al Teatro Comunale G. B. Pergolesi di Jesi il “Nabucco” di Giuseppe Verdi. Assente dal palcoscenico cittadino da 30 anni, il dramma lirico in quattro atti su libretto di Temistocle Solera sarà rappresentato l'8, 10, 12 e 14 ottobre nel quadro della XXXVI stagione lirica di tradizione, in un nuovo allestimento che vanta una ricostruzione storica raffinata ed elegante (le scene, storiche, sono quelle dipinte dall'inglese Peter Hall) dell'opera più amata dal Risorgimento Italiano. L'opera corale per eccellenza vedrà una nutrita massa di protagonisti sul palcoscenico: 55 gli elementi del coro lirico marchigiano “Vincenzo Bellini” che accompagneranno un cast di primo livello. Nabucco sarà Ko Seng Hyoun, il più importante baritono coreano, noto anche in Europa per la bellezza di una voce il cui repertorio spazia tra Verdi e Verismo. Nel ruolo di Abigaille sarà Lucia Mazzaria: soprano di Gorizia, dopo il grande successo del debutto nel ruolo di Mimì alla Fenice di Venezia nel 1987, ha cantato nei maggiori teatri in Italia e all'estero; recentemente la maturazione vocale la porta verso ruoli da lirico spinto. Zaccaria sarà Alfredo Zanazzo, basso dal timbro scuro e potente apprezzato nei ruoli drammatici verdiani come pure nei ruoli del 'bel canto'. Monica Minarelli – già 'Isabella' di successo nella prima esecuzione in epoca moderna de La Marescialla D'Ancre che ha inaugurato la XXXVI stagione lirica del Teatro Pergolesi di Jesi – interpreterà Fenena; il tenore Giovan Battista Mongiardino sarà Ismaele, il soprano Elena Marinageli sarà Anna, Stefano Consolini (tenore) vestirà i panni di Abdallo, Tullio Silvestri quelli del Gran Sacerdote di Belo. Dirige l'Orchestra Filarmonica Marchigiana il M Carlo Palleschi, il Coro Bellini sarà diretto dal M Carlo Morganti. Firma la regia dell'opera il croato Petar Selem, la cui messa in scena del Nabucco all'Opera di Zagabria ha ottenuto così vasti consensi di pubblico da contare dal 1984 ad oggi 140 rappresentazioni. Dello stesso allestimento di 'Nabucco' la critica ha segnalato 'la lucida e profonda analisi, la tensione drammaturgica, l'immaginazione lirica'. Selem, che pure è direttore artistico del Teatro Nazionale Croato di Spalato e del Summer Festival di Spalato, ha firmato la regia di molte opere, spaziando dall'Incoronazione di Poppea di Monteverdi al Satyricon di Bruno Maderna, nei principali teatri e festival della Croazia come pure in numerosi teatri europei e americani.
Nell'ambito dell'iniziativa 'Ragazzi… all'opera', 200 studenti delle scuole superiori di Jesi assisteranno all'ultima delle quattro rappresentazioni di “Nabucco”.

(Simona Marini – Ufficio Stampa)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.