Il grande CHICK COREA chiude ad Ancona il tour italiano


5 Mag 2004 - News live

Attesissimo, il concerto di Chick Corea al Teatro delle Muse (sabato 8 maggio, ore 20.45) è l'ultima e la più settentrionale tappa del tour italiano in quattro date (Cagliari, Bari e Napoli). Corea è il pianista jazz americano più famoso al mondo insieme al suo alter ego, Keith Jarrett, là dove quest'ultimo ha seguito un percorso classico mentre Chick ha toccato gli aspetti più eterogenei e sperimentali della cultura musicale. Chick Corea mostrerà ad Ancona l'anima spagnola, il flamenco, insieme a partner di assoluto livello come il sassofonista e flautista Jorge Pardo, di navigata esperienza tanto da essere stato a lungo partner di Paco De Lucia, il bassista Carles Benavent e il percussionista Rubem Dantas, fissi nel trio di Pardo, accanto al noto batterista american Tom Brechtlein, già con Corea dal 1978 al 1983, e poi con Wayne Shorter, Al Di Meola, Jean Luc Ponty e Robben Ford dal 1986.
Torniamo alla star. Armando Chick Corea, nato nel Massachussets nel 1941, comincia lo studio del pianoforte a quattro anni e ben presto la sua cultura musicale subisce l'influenza della musica classica e del jazz, passione principale del padre. I suoi esordi riguardano però la musica latinoamericana, prima con Mongo Santamaria e Willie Bobo, poi con Cal Tjader e Herbie Mann.
Si accorge di lui Stan Getz, che non esita, nel 1966, ad inserirlo nel suo quartetto al posto del vibrafonista Gary Burton. Nel 1968 Chick, si mette in proprio e registra in trio uno dei dischi più belli e importanti di pianoforte, un album ormai classico, Now He Sings, Now He Sobs (Miroslav Vitous al contrabbasso e Roy Haynes alla batteria). Il suo nome è ormai lanciato, e quando viene ingaggiato nientemeno che da Miles Davis, sulla fine degli anni '60, entra definitivamente nel ristretto numero dei migliori del mondo. Accanto a Miles si accosta al piano e alle sonorità elettriche, che ne condizioneranno poi il futuro. Nei primi anni '70, è comunque il free a dominare la sua attività . L'orizzonte espressivo muta ancora quando chiama il formidabile sassofonista e flautista Joe Farrell, il giovane virtuoso bassista Staney Clarke e la coppia, già rinomata, formata da Airto Moreira e Flora Purim: nasce il quintetto, poi popolarissimo, Return To Forever , che mischia con sapienza e jazz, musica classica e brasiliana. Tutti gli anni '70 sono dominati da questa formazione, che lascia ad ogni modo spazio per numerose esperienze parallele (collaborazioni con Gary Burton, Al Di Meola, Jean-Luc Ponty, Joe Henderson, duetti con Herbie Hancock, Keith Jarrett e Friedrich Gulda, Michel Brecker, Paco De Lucia, Chaka Khan e numerosi altri). Dalla metà degli anni '80 nascono altri due gruppi, ancora in vita: trio acustico con John Patitucci e Dave Weckl e la Electric Band , allargata al chitarrista Frank Gambale e al sassofonista Eric Marienthal. In tutta la carriera, Chick Corea ha vinto ben 12 Grammy Award, l'ultimo dei quali proprio quest'anno per il suo assolo in Matrix , brano contenuto nel doppio CD Rendez-Vous In New York , sorta di passerella delle sue formazioni più importanti.

Info:
I biglietti: 32 in platea, 25 in prima galleria, 20 in seconda galleria, 11 in terza e nei palchi tel. 071.52525
www.teatrodellemuse.org
www.chickcorea.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.