I vincitori della diciannovesima edizione dell’Asian Film Festival


a cura di Vincenzo Pasquali

18 Apr 2022 - Commenti cinema

Concluso l’Asian Film Festival 2022. Tra i vincitori: migliori attori Christian Bables e Vince Rillon; migliore attrice Kaya Kiyohara; migliore regia Taiki Sakpisit per The Edge of Daybreak; miglior film – On The Job, The Missing 8.

I vincitori:

  • Newcomers – Tiong Bahru Social Club (dir. Tan Bee Thiam)
  • Miglior attore – ex aequo – Christian Bables (Big Night), Vince Rillon (Resbak)
  • Miglior Attrice – Kaya Kiyohara (In The Wake)  
  • Film più originale – The Wheat (dir. Tang Yu-qiang)
  • Miglior regia – Taiki Sakpisit per The Edge of Daybreak
  • Miglior film – OnThe Job, The Missing 8 (dir. Erik Matti)

Mercoledi 13 aprile si è conclusa a Roma, presso il Farnese Arthouse, la diciannovesima edizione dell’Asian Film Festival, manifestazione organizzata da Cineforum Robert Bresson con la direzione artistica di Antonio Termenini.

In una sala affollata e alla presenza di alcuni tra i principali rappresentanti dei principali Paesi coinvolti, tra cui il Ministro consigliere Kundunee dell’Ambasciata di Thailandia in Italia, il Direttore dell’Istituto Giapponese in Roma, Amb. Masuo Nishibayashi e il regista filippino Brillante Mendoza, che negli scorsi giorni ha ricevuto il Premio alla Carriera, sono stati proclamati i vincitori del concorso internazionale. I riconoscimenti decretati dalla giuria presieduta da Elena Bindi e composta da Inti CarboniFabia Bettini e, per il verdetto della sezione Newcomers dagli studenti Unint, sono andati alle seguenti opere, registi e attori:

Tiong Bahru Social Club

NewcomersTiong Bahru Social Club (Tan Bee Thiam, Singapore, 2020)

Motivazione – Tiong Bahru Social Club è un’opera prima fresca e accattivante, che ci porta in una realtà alternativa ma che conserva la multiculturalità del paese in cui è ambientata (Singapore). La ricerca della felicità e della realizzazione personale vengono analizzate nel contesto di un mondo distopico dalle tinte vivaci, dove i colori forti si contrappongono al grigiore che i personaggi portano dentro. In un luogo in cui l’unico modo di vivere accettabile è essere sempre gioiosi, tuttavia, la felicità non sembra avere più alcun valore. La forte ironia che contraddistingue la narrazione ci rende spettatori di un mondo paradossale: lo stile di vita assurdo che viene adottato all’interno del Tiong Bahru Social Club ci fa quasi sorridere, nondimeno tocca spesso tasti dolenti e troppo vicini alla nostra realtà. Infine, da menzionare la fotografia dai toni vibranti e la cura nella scelta delle inquadrature, che si adattano perfettamente all’idea di un piccolo mondo interamente controllato e si contrappongono ai dubbi crescenti espressi dai personaggi.

Miglior attore: ex aequo – Christian Bables in Big NightVince Rillon in Resbak

MotivazioniChristian Bables – È stato straordinario nell’interpretare il personaggio di “Dharna”, un estetista gay il cui nome viene erroneamente inserito nella lista di controllo nella guerra alla droga. Dhama dovrà dimostrare la sua innocenza nel lampo di una notte. Magnifico Bables, che con la sua sua interpretazione a tratti comica anche quando la situazione è drammatica, rende amabile il personaggio agli occhi dello spettatore, per la sua sensibilità e per la sua voglia di giustizia nei confronti delle persone oppresse.Yince Rillon – Per come è riuscito ad interpretare il difficile ruolo di un ragazzo che deve sopravvivere in un ambiente dominato da violenza, corruzione, e continue prevaricazioni.

Kaya Kiyohara in una scena di “In The Wake”

Miglior AttriceKaya Kiyohara in In The Wake (Takahisa Zeze, Giappone, 2021)  

Motivazione – L’attrice, grazie alle molte sfumature della sua performance è riuscita a rendere un ritratto molto credibile, che veicola una gamma di emozioni, da parte di un talento così giovane e promettente.

Film più originaleThe Wheat (Tang Yu-qiang, Cina, 2021)

Motivazione – Per come ha raccontato, con uno sguardo gelido ed entomologico, una storia d’amore assoluto in una Cina rurale.

Miglior regiaTaiki Sakpisit per The Edge of Daybreak (Taiki Sakpisit, Thailandia, 2021)

Motivazione – Per l’uso sapiente di luci e ombre che rende il film avvolgente, sensoriale e ipnotico. Un’opera prima elegante, contraddistinta dalla raffinatezza di contrasti e chiaroscuri con una regia meticolosa di dettagli dell’inquadratura e nel taglio dell’immagine, capace di rendere un film in bianco e nero un’opera ricca di espressività.

On the Job The Missing 8

Miglior filmOn The Job, The Missing 8 (Erik Matti, Filippine, 2021)

Motivazione – Il thriller corale di Erik Matti inchioda Io spettatore 3 h e 30 per il fascino delle immagini e del ritmo frenetico del racconto, ispirato a fatti realmente accaduti; nel film si intrecciano personaggi politici, gangster, giornalisti e detenuti assassini, nella rappresentazione di una realtà sociale e politica corrotta delle Filippine. Girato con maestria, con piani sequenza unici ed una colonna sonora che spesso va in contrasto con la drammaticità delle situazioni, quest’opera ha una forza travolgente e ci regala un ritratto poco conosciuto di queta parte d’oriente.

Soddisfatto dell’incremento dei consensi e del pubblico il direttore del festival Antonio Termenini che ha dichiarato: “in una stagione di estrema difficoltà per riportare le persone in sala, siamo riusciti con questa edizione a registrare picchi di affluenza molto significativi che, anche in virtù delle opere selezionate, di pregevole qualità e molte delle quali in assoluta anteprima europea, hanno permesso ad un pubblico misto, italiano e internazionale, di conoscere e godere di una parte di cinematografia di Oriente spesso ancora non esplorata a dovere. La scelta di dedicare specifiche giornate a tema, quali il Thailand Day, il Korean Day e il Japan Day, ci ha inoltre consentito di immergerci in culture diversificate proprio grazie al potere del grande schermo”.

Nel corso della serata è stata ospitata anche la premiazione del Moviemov Italian Film Festival (XI edizione) il grande cinema d’autore italiano nelle Filippine e in Thailandia, che ha visto consegnare da Fabia Bettini e Gianluca Giannelli il premio a Pietro Marcello e Francesco Munzi, registi insieme ad Alice Rohrwacher dell’opera Futura.

L’appuntamento con l’Asian Film Festival è all’anno prossimo, che celebrerà il ventennale della manifestazione.

https://www.asianfilmfestival.info/

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.