“Holy Duck” l’EP di esordio di Hogwash Academy


a cura di Felice Capasso

21 Apr 2021 - Dischi

Dal 19 aprile è su tutte le piattaforme digitali l’EP d’esordio con 5 tracce “Holy Duck” della band romana rock/funk Hogwash Academy.

Hogwash Academy è un gruppo rock/funk nato a Roma nel 2017 formato da Veronica Monaco (voce), Francesco Carretti (chitarra), Francesco Ferilli (basso) e Danilo Ombres (batteria). Il nonsense è la loro principale chiave di lettura, ma sanno affrontare anche argomenti molto seri, mescolando vari generi musicali tra i quali funk, hip hop, jazz e rock, prendendo spunto da band come Red Hot Chili Peppers, ma anche da gruppi più sperimentali come Screaming Headless Torsos. Il 19 aprile 2021 pubblicano su tutte le piattaforme digitali il loro EP d’esordio “Holy Duck”, registrato presso il MusicUp Studio di Roma alla fine del 2019. Composto da cinque tracce, quattro inedite più una cover, California Soul di Ashford & Simpson cantata da Marlena Shaw, l’EP si apre con un sound delicato e introspettivo per accogliere e poi travolgere l’ascoltatore in una spirale di groove multi stilistica. L’artwork del disco è stato curato da Claudio Ferrante.

Riff corposi si accompagnano al cantato carismatico di Veronica Monaco, ora delicato ora tanto fiammante.

Spinning all around ha momenti più lenti e morbidi, momenti più ritmati e momenti più forsennati nei quali annoveriamo la presenza di una ritmica importante e di un riffing stupefacente. Sonorità funk passeggiano a fianco di sonorità più hard rockeggianti.

Cotton candy presenta questo basso tanto portentoso, sonorità ancora funky e Veronica Monaco che continua il suo “show” imperterrita, una vera frontman che attira tante attenzioni su di sé. Songwriting tanto labirintico in questa canzone tanto sperimentale e piena di pulsioni. Non manca il solo di chitarra apocalittico che ci fa trasalire.

Dependency alterna spoken e potenza sonora a forza di chitarroni magnifici. Incredibile la versatilità sia della band che della lead vocalist, un progetto davvero vincente Hogwash Academy, un progetto che ha tanta cura del lato tecnico: mixing da paura, produzione e master molto buoni. L’appeal pure ce ne è ogni tanto. Tecnica ed esecuzione davvero molto apprezzabili poi.

I pezzi sono simili fra loro e Holy Duck scorre come l’olio ed è, a mio parere, un disco per coloro che sanno apprezzare sonorità di epoche passate proposte con tanta maestria e talento. Sinceramente mi hanno fatto pensare a Mr Bungle ma pure a Led zeppelin e a tanta musica degli anni 60 e 70 del secolo scorso. Poi come non vederci anche dell’alternative rock in alcuni passaggi del cantato o i Jamiroquai in alcuni passaggi funk. La loro versione di California soul sembra, a tratti, migliore dell’originale: questa band mostra di avere tanto talento, davvero tanto…

WEB:

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *