Gli italiani al Festival Internazionale Cervantino in Messico


5 Ott 2004 - News classica

Circa 2.500 artisti rappresentanti di oltre 37 Paesi, parteciperanno alla XXXII edizione del Festival Internazionale Cervantino che si terrà nello Stato di Guanajuato dal 6 al 24 ottobre. In questa edizione l'Italia coprirà un ruolo di grande prestigio, garantendo la presenza di celebri artisti quali, Uto Ughi, Mario Galeani, i Solisti Veneti, Il Quartetto Amati, Il Quintetto Avant-Gard e gli Storici Sbandieratori delle Contrade di Cori.
Il Festival Internazionale Cervantino, che si svolge ogni anno in questo periodo, rappresenta il ciclo artistico-culturale più importante del Messico e dell'America Latina. E' questa infatti l'occasione in cui si danno appuntamento i massimi esponenti del mondo artistico internazionale nelle seguenti aree: musica, opera, teatro, danza, arti plastiche, cinema e letteratura. Sebbene i partecipanti provengano da varie parti del mondo, particolare è l'attenzione che viene riservata alla cultura latino-americana.
Il programma del Festival vanta oltre 150 esibizioni teatrali, musicali, operistiche, cinematografiche e di danza. Ospiti d'onore di questa edizione saranno il Sudafrica e lo Stato messicano della Baja California.
L'Italia presenzierà il Festival con una Muestra in cui i maggiori esponenti del panorama musicale italiano e di fama internazionale si esibiranno nelle loro specialità a dimostrazione della inequivocabile eccelleza qualitativa della musica italiana e dei suoi interpreti. In collaborazione con l'Ambasciata Italiana in Messico, l'Istituto italiano di Cultura di Città del Messico ed il Minisero per i Beni e Attività Culturali, i nostri artisti accompagneranno i visitatori in un percorso musicale attraverso le varie epoche dal periodo barocco ai tempi moderni.
Ospiti rappresentativi del Bel Paese saranno:
Il Quartetto Amati: uno dei gruppi più prestigiosi e riconosciuti del nostro Paese che offrirà all'interno dello scenografico Tempio della Valenciana il 21 ottobre esibizioni di opere di Luigi Boccherini, Ludwig Van Beethoven e Felix Mendelssohn.
Messinese di nascita, Mario Galeani è considerato uno dei più importanti ed attivi pianisti italiani della sua generazione e deve la sua formazione musicale al celebre pianista Aldo Ciccolini. Galeani si esibirà al Teatro de Minas domenica 17 ottobre interpretando in maniera eccelsa le complicate Sonata No. 2 di Rachmaninov e la Parafrasi concerto del Rigoletto di Verdi di Franz Liszt.
Nell'ambito musicale contemporaneo, l'Italia non ha nulla da invidiare agli altri paesi e il Quintetto a fiati Avant-Garde ne è la dimostrazione. La grande musicalità ed unità espressiva così come l'affiatamento tra i vari componenti si traducono in un'interpretazione sonora perfetta delle partiture più recenti che sono state elaborate per questo genere musicale. L'Avant-Garde è un genere che valorizza lo stile e le capacità interpretative, il più celebre in Europa nel campo della musica contemporanea, migliorando costantemente le capacità musicali di ciascun componente.
Considerato tra i maggiori violinisti del nostro tempo, Uto Ughi è un autentico erede della tradizione che ha visto nascere e fiorire in Italia le prime grandi scuole violinistiche. Il celebre maestro presenterà in questa occasione un programma per violino e piano accompagnato da Alessandro Specchi, celebre pianista, in un'esibizione unica e irripetibile. Il 23 ottobre nell'Auditorio de Minas gli artisti danno appuntamento al proprio pubblico per condividere sentimenti, vivacità ed emozioni in un'esibizione spettacolare.
Ulteriore appuntamento culminante del Festival è l'esibizione dei Solisti Veneti, la celeberrima formazione del complesso strumentale fondato nel 1959 a Padova da Claudio Scimone che si esibirà al teatro Juà rez di Guanajuato il 23 ottobre in un concerto di musica barocca.
Da ultimi, non certo per importanza e bravura, ricordiamo gli Storici Sbandieratori delle Contrade di Cori, che dal 1976 recepiscono ed elaborano il messaggio culturale dell'antica “Gens Corana” per riproporlo e diffonderlo, attraverso la bandiera, in ogni parte del mondo. Il 21 e 23 ottobre la gente di Guanajuato resterà attonita da tanta bravura. La scenografia degli spettacoli è affidata, più che ai singoli elementi, all'armonia dell'intero gruppo che riesce a spettacolarizzare mirabilmente l'artificio delle bandiere in un crescendo di volteggi, scambi e lanci,sì da creare pirotecnici effetti di colore…
A sottolineare il rilievo internazionale del Festival Cervantino è stata la vincita lo scorso aprile del Premio Max Hispanoamericano de las Artes Escènicas da parte della Sociedad General de Autores ed Editores de Espaà a, in quanto spazio polifunzionale atto a promuovere il dialogo culturale che contribuisce alla conoscenza delle arti latino- americane in generale e, in particolare, della Spagna in terra americana.

Info:
www.festivalcervantino.gob.mx/
www.visitmexico.com
Contatti: europeanpress@visitmexico.com
tel.: 0080028776655
Francesca Mioni tel. 02/72143.539
mail. francesca_mioni@it.bm.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.