Dieci giorni dopo: uno sguardo sul Biografilm Festival di Bologna 2022


di Chiara Tossici

29 Giu 2022 - Commenti cinema

Conclusa con grande successo la diciottesima edizione di Biografilm, un festival che di anno in anno si arricchisce di nuovi progetti.

In questo inizio d’estate, una marea di visioni, tante scelte di film, documentari, pezzi di vite e di storie. In diciotto anni di vita, il Biografilm Festival – International Celebration of Lives continua ad evolversi e ad aprirsi a tanti progetti, raccontando con immagini, suoni, volti ripresi e vivi.

Venuto alla luce nel 2005 a Bologna, città dove tante menti si incontrano anche grazie alla fucina universitaria, questo evento continua a dare la possibilità di immergersi in un mare di tante gocce e di seminare idee che cresceranno. Abbiamo partecipato a varie esperienze nelle sale cinematografiche che si aprono al festival, con il fulcro in piazzetta Pasolini, vicino alla Cineteca. Sedimentare il vecchio di qualità e andare verso il nuovo, il Biografilm ci racconta il mondo e la città, oramai in costante connessione, come lo vuole il lato della luce della globalizzazione.

Bologna è stata descritta in uno dei suoi lati migliori, quello dell’antifascismo nel suo senso eterno, in A noi rimane il mondo (online su MYmovies), documentario in concorso, creato dal regista Armin Ferrari insieme al collettivo letterario militante Wu Ming e prodotto da Roberto Cavallini.

Il mondo, quello d’oltreoceano, l’abbiamo visto in anteprima mondiale in All the Streets Are Silent, pellicola di Jeremy Elkin, costruita su spezzoni di filmati newyorkesi, quando ancora c’erano le videocamere e il digitale era agli albori. Il documentario ci ha raccontato in modo interessante e coinvolgente l’incontro fra l’hip hop e lo skatebording, spiegandocene la storia, fatta di scontri ed incontri fra culture, quartieri, persone.

Ancora la vita, quella del pugile Manuel Ernesti, presente in sala insieme al regista Alessio Di Cosimo; e un altro scontro/incontro, quello di un ragazzino con la sua biografia, in parte scritta dal contesto, ma soprattutto da lui, come deve essere. Barber Ring ci racconta la sua infanzia nelle case occupate, il riscatto nel pugilato, le difficoltà economiche e la rinascita.

Ed infine la poesia, quella che c’è sempre, se la cerchi e se sei disposto ad accoglierla. L’abbiamo trovata in due documentari, due coinvolgenti corti del regista Yuri Ancarani, che attraverso visioni sue e di chi da lui è stato filmato, ha raccontato, attingendo all’onirico che confina col mondo dei morti, la cultura di un popolo d’oltreoceano e la vita dell’architetto e designer torinese Carlo Mollino.

La cerimonia di premiazione della XVIII edizione del Biografilm Festival si è tenuta domenica 19 giugno al Cinema Medica: il Best film Award, premio internazionale, è stato vinto da After a Revolution di Giovanni Buccomino. Questa la motivazione: “Potente ritratto di famiglia, politica e guerra […]. Momenti di bellezza, coraggio e resilienza, squisitamente catturati, lo rendono un capolavoro sull’orrore insensato della guerra e sulla capacità dei comuni esseri umani di sopravvivere e trascendere questo orrore.”

I Premi Hera “Nuovi Talenti” sono stati consegnati rispettivamenteDivas di Máté Kőrösi, come migliore opera prima del Concorso Internazionale ed a The Way Daddy Rides di Tiziano Locci, come migliore opera prima del Concorso Biografilm Italia.

Alcuni numeri del Festival:

Il successo di pubblico della diciottesima edizione di Biografilm, che ha superato i 15 mila spettatori dal vivo in tutta la durata del festival, con più di 600 abbonamenti venduti e quasi 400 partecipanti alle giornate del mercato Bio to B – Industry Days, è ribadito dai numeri del pubblico on-line.

Più di 2600 ore di visione online per 2700 spettatori sulle piattaforme digitali (Biografilm e MYmovies ONE). Accessi da 12 regioni, il 50% dei quali provenienti da fuori l’Emilia-Romagna. 170 mila le pagine visitate sulla piattaforma online di Biografilm.

Biografilm festival tornerà nel 2023 per la sua diciannovesima edizione, a Bologna dal 9 al 19 giugno. Bio to B – Industry Days, l’evento dedicato ai professionisti e alle professioniste del settore cinematografico, sarà dal 14 al 17giugno 2023.

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.