Al via a Jesi il FESTIVAL PERGOLESI SPONTINI: dal 30 luglio al 3 agosto l’anteprima con Orchestra di Piazza Vittorio, Mannoia e Piovani


a cura della Redazione

29 Lug 2022 - Festival, News classica, News live

Il XXII PERGOLESI SPONTINI FESTIVAL “Come per magia” si apre in Piazza Federico II a Jesi, per una “Anteprima Festival” con importanti nomi della musica italiana. Sabato 30 luglio l’Orchestra di Piazza Vittorio nello show “Dancefloor”, domenica 31 luglio Fiorella Mannoia in concerto, mercoledì 3 agosto Nicola Piovani in “La musica è pericolosa – Concertato”.

Un festival musicale pensato per incontrare pubblici di età e gusti differenti. 30 appuntamenti dal barocco al classico, dal jazz fino ai confini del pop; concerti in cantina e al museo, musical, nuovi format di musica-gioco per bambini, e ancora sport, scienza e inclusione.

Dal 30 luglio al 27 settembre, a Jesi e Maiolati Spontini, appuntamento con il XXII Pergolesi Spontini Festival, a cura della Fondazione Pergolesi Spontini. Intorno ai due grandi compositori marchigiani, e al filo conduttore “Come per magia”, la manifestazione propone un cartellone multilinguistico e multidisciplinare. Artisti internazionali e giovani talenti saranno accolti da teatri, piazze, centri storici, cantine, chiese, musei.

Il Festival si apre in Piazza Federico II a Jesi, per una “Anteprima Festival” con importanti nomi della musica italiana: l’Orchestra di Piazza Vittorio, Fiorella Mannoia e Nicola Piovani.

IMPORTANTE: Il concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio è stato spostato al Teatro Pergolesi

OPV (®foto Monica Ramaccioni – Festival delle Nazioni 2021)

Grande apertura sabato 30 luglio ore 21, con “Dancefloor” il nuovo concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio – OPV, l’ensemble multietnico unico nel panorama mondiale, in uno show dedicato al ballo, al ritmo e alla musica che supera i generi, gli stili e le nazioni. Sul palcoscenico, la voce di voce Houcine Ataa, Emanuele Bultrini alle chitarre, Giuseppe D’Argenzio al sax tenore e soprano, Duilio Galioto pianoforte e tastiere, Luca Libonati alla batteria, Roman Villanueva alla tromba, Carlos Paz Duque alla voce e flauti andini, Pino Pecorelli al basso elettrico, Raul Scebba alle percussioni, Ziad Trabelsi voce e oud. La direzione artistica e musicale è di Mario Tronco, distribuzione di Mauro Diazzi.

L’ensemble è stato fondato nel 2002 da Mario Tronco, con l’idea di creare un’orchestra stabile di musicisti provenienti da diversi paesi e culture. Un progetto che ha ridefinito il concetto stesso di World Music, ispirando decine di esperienze analoghe in Italia e nel mondo. Da questa esperienza, partita dall’ombelico di Roma, dal quartiere dell’Esquilino, sono trascorsi vent’anni di reciproche influenze di generi musicali e complicità tra i musicisti che hanno portato l’Orchestra a uscire dal selciato della musica per abbracciare anche altri ambiti, passando con disinvoltura dal teatro (“Carmen”, “Il Flauto Magico”, “Il Giro Del Mondo in 80 Minuti” e “Don Giovanni”) al cinema (Premio David di Donatello 2020 per le musiche del film “Il Flauto Magico di Piazza Vittorio”), alla musica sacra (“Credo”).

“Dancefloor” passerà in rassegna questo entusiasmante percorso, ripartendo dalle atmosfere de “L’Isola Di Legno” e dai classici del suo repertorio alle composizioni originali in primissima esecuzione -che faranno parte del nuovo disco in uscita in autunno. La scaletta della serata sarà un viaggio tra Paesi, culture e linguaggi. Ci saranno le atmosfere sensuali della cumbia boliviana, le danze berbere, la sacralità nel canto Sufi, i passi cadenzati della musica delle Ande, certe atmosfere caratteristiche degli anni ’60 Italiani, l’Afro Beat e la scanzonata allegria del reggae arabo.

Domenica 31 luglio ore 21, Fiorella Mannoia torna ad esibirsi dopo tanti anni a Jesi, nell’ambito del nuovo tour “La versione di Fiorella tour 2022”. La serata prende il nome dall’omonimo programma che la Mannoia ha condotto su Rai 3 dal 25 ottobre scorso, in seconda serata, e vede l’artista tornare sul palco con la sua band, dopo i concerti tenuti la scorsa estate, per interpretare i brani che hanno contraddistinto la sua carriera, dagli inizi fino all’ultimo album “Padroni di Niente”. Ad accompagnare Fiorella sul palco durante il tour i musicisti Diego Corradin alla batteria, Claudio Storniolo al pianoforte e alle tastiere, Luca Visigalli al basso, Max Rosati e Alessandro “DOC” De Crescenzo alle chitarre, Carlo Di Francesco alle percussioni e alla direzione musicale di tutto lo spettacolo.

Mercoledì 3 agosto ore 21, appuntamento con il compositore Nicola Piovani – premio Oscar per la colonna sonora de “La vita è bella”, a Jesi protagonista di un racconto musicale con l’esecuzione di brani inediti e altri più noti, riarrangiati per l’occasione. “La musica è pericolosa – Concertato” è un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena – pianoforte, contrabbasso, percussioni, sassofono, clarinetto, chitarra, violoncello, fisarmonica. A scandire le stazioni di un viaggio musicale in libertà, Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, di Fellini, di Magni, di registi spagnoli, francesi, olandesi, per teatro, cinema, televisione, cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione. Sul palcoscenico, con Nicola Piovani alla direzione e al pianoforte, saranno Marina Cesari al sax e clarinetto, Pasquale Filastò al violoncello e alla chitarra, Pietro Pompei alla batteria/percussioni, Carmine Iuvone al contrabbasso, Sergio Colicchio tastiere. Produzione Fondazione Musica per Roma.

Dopo l’anteprima, il festival riparte nella sua consueta collocazione di fine estate, a partire da sabato 3 settembre al Teatro Pergolesi di Jesi ore 21, con lo spettacolo tra musica e racconto “Il silenzio in cima al mondo (i voli di Zoff nel cielo di Spagna ’82)”, con Pamela Villoresi, ricorda quella che fu definita “la partita più bella del secolo scorso”, nei Mondiali di calcio 1982 di cui ricorrono i 40 anni. Il testo è di Giuseppe Manfridi, musiche di Cristian Carrara e Marco Attura, nuova la produzione in co-produzione con Associazione Mittelfest di Cividale del Friuli.

Domenica 4 settembre alle ore 10 in centro storico a Jesi, torna la caccia al tesoro musicale “Il giovane Pergolesi”, alle ore 17 al Teatro Pergolesi lo spettacolo per tutti dal titolo “Rossini Flambé. Opera buffa in cucina”. In serata ore 21, la Chiesa di San Nicolò ospita il concerto “Rethinking Rossini” con musiche di compositori contemporanei da Gioachino Rossini, dirette da Marco Attura sul podio del Time Machine Ensemble.

Giovedì 8 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi, l’appuntamento è con Associazione Talenti Vulcanici – Ensemble Giovanile della Pietà de’ Turchini – nel concerto “Il violino fantastico”.

venerdì 9 settembre ore 21 al “Pergolesi”, tra teatro e scienza è lo spettacolo “Ucciderò il gatto di Schrödinger”, in scena Gabriella Greison, fisica, scrittrice, attrice teatrale.

Sabato 10 settembre per la prima volta, il Festival propone la mattina un concerto per i detenuti del Carcere di Montacuto di Ancona, con un “Concerto Spirituale” in cui la musica va incontro a chi soffre, grazie alla sensibilità del pianista italo sloveno Alexander Gadjiev. L’evento sarà la prima tappa di un percorso di “Musica Sociale” che la Fondazione Pergolesi Spontini intende portare avanti nel nome di Gaspare Spontini: il compositore aveva infatti l’abitudine di organizzare ogni anno un “concerto spirituale”, destinando l’incasso “per una cassa di soccorso in pro’ de’ membri del teatro poveri”. In serata, ore 21, sempre Alexander Gadjiev si esibirà al Teatro Pergolesi.

Prende poi il via un ciclo di 4 concerti di giovani talenti internazionali ospiti del Festival grazie a Residart, la prima rete di Residenze d’Artisti nata nelle Marche, e grazie a Orlando European Summer Course for Chamber Music.

Si parte domenica 11 settembre ore 11 con un “Wine Concert I” in una delle cantine del territorio, Vignamato (a San Paolo di Jesi), con degustazione di vini e la musica del britannico Trio Larisa. A seguire: giovedì 15 settembre ore 21 alla Chiesa di San Nicolò di Jesi il concerto “Residart I” con Trio Aeonium, venerdì 16 settembre ore 19 un “Wine Concert II” (Poggio San Marcello, cantina Sartarelli) con lo spagnolo Trio Nacedo accompagnato al pianoforte dal giapponese Keigo Mukawa e domenica 18 settembre ore 11 il concerto “Residart II” alla Chiesa degli Aroli di Monsano con Keigo Mukawa al pianoforte e Victoria Tulskaia al violino.

Si torna a Jesi domenica 11 settembre ore 17 al Teatro Pergolesi per “Pizz’n’zip”, concerto scenico per grandi e piccini dai 5 anni in su, con le performer-musiciste Eleonora Savini ​ e Federica Vecchio.

Venerdì 16 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi, c’è “Play Gershwin” con Enrico Pieranunzi al pianoforte, Gabriele Pieranunzi al violino e Gabriele Mirabassi al clarinetto.

Sabato 17 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi, il Festival omaggia il magistero di Pergolesi mettendo a confronto il capolavoro “Stabat mater” con l’omonima composizione di Antonio Caldara. Giulio Prandi dirige il Coro e Orchestra Ghislieri per un evento in collaborazione con Festival MiTo SettembreMusica, cantano Roberta Mameli, Marta Fumagalli, Raffaele Giordani, Matteo Bellotto.

Domenica 18 settembre dalle ore 17 alle ore 20, su 4 turni, il concerto “Märchenbilder. Robert Schumann e Federico II” propone un modo nuovo di vivere il Museo Federico II di Jesi, esplorato e rivisitato come affascinante e poliedrico palcoscenico musicale grazie a Marta Tacconi (pianoforte) e Malgorzata Maria Bartman (viola).

In serata, alle ore 21, il palcoscenico del “Pergolesi” ospita il duo pianistico israeliano Sivan Silver e Gil Garburg, virtuosi della grande e spesso sottovalutata arte del suonare a quattro mani su un’unica tastiera.

Giovedì 22 settembre ore 17, al Teatro Pergolesi c’è lo spettacolo di Social Opera ispirato all’opera “Tosca” di Puccini, protagonisti gli attori disabili del progetto “OperaH” e gli studenti di “Banco di scena”.

Novità 2022 per il festival, sono gli “Spontini Days” che si terranno per tre giorni nella città natale di Gaspare Spontini, Maiolati, guardando al 2024, anno delle celebrazioni per il 250° anniversario della nascita del compositore. Si parte venerdì 23 settembre ore 21 alla Chiesa di San Giovanni con le “Cantate da camera” di Spontini. Sabato 24 settembre ore 18 in Piazza della Vittoria appuntamento con “Choralia” su pagine corali di Spontini. Domenica 25 settembre ore 10, in Centro Storico, la caccia al tesoro per bambini “Il Giovane Spontini”.

Sabato 24 settembre alle ore 21 si torna a Jesi (Chiesa di San Nicolò) per un Concerto barocco con i solisti della Scuola Musicale Pergolesi di Jesi (ingresso gratuito) e domenica 25 settembre ore 17 si torna al Teatro Pergolesi di Jesi con la nuova produzione del musical “Grease” della Compagnia della Rancia con la regia di Saverio Marconi.

Si chiude con il concerto dell’Orchestra della Scuola Musicale G.B. Pergolesi, martedì 27 settembre ore 21, al Teatro Pergolesi.

Il Festival Pergolesi Spontini è organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini con il sostegno di Ministero della Cultura – Regione Marche, Soci Fondatori Comune di Jesi e Comune di Maiolati Spontini, Partecipante Aderente Comune di Monsano, Partecipante Sostenitore Camera di Commercio delle Marche. Trevalli Cooperlat educational partner. Ringraziamento tutti i MECENATI 2022 per il contributo erogato tramite Art Bonus.

Tutto il programma è sfogliabile su https://online.fliphtml5.com/rljho/otfy/#p=1 o puoi scaricarlo qui:

Info: www.fondazionepergolesispontini.com

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.