A Bologna un flauto per la Shoà


25 Gen 2004 - News classica

Il prossimo 27 gennaio è il giorno della memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico nei campi nazisti. Tra le numerose iniziative la città di Bologna propone un evento di grande bellezza emotiva: Il Canto della Memoria. Massimo Mercelli al flauto, accompagnato all'arpa da Patrizia Tassini si alternerà con musiche di Bach, Spohr, Debussy e Shankar, alla voce di Arnoldo Foà nella lettura di brani di Primo Levi. La Biblioteca di Sala Borsa in Piazza Nettuno farà da cornice a questo concerto aperto a tutta la cittadinanza e realizzato dal Museo Ebraico in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Bologna.
Mercelli, sensibile al tema della Shoà , ha già inserito più volte nel suo repertorio programmi di compositori perseguitati dal nazismo come Shulhoff, Castelnuovo-Tedesco e Korngold e ha accettato con onore l'invito del Museo Ebraico a partecipare attivamente alla commemorazione bolognese. Tra i numerosi appuntamenti del maestro ci sono poi anche due concerti al Festival di Gerusalemme, in programma il prossimo giugno, oltre agli impegni al Lincoln Center di New York a San Pietroburgo e a Berlino. Ricordiamo inoltre l'impegno di Patrizia Tassini che, tra le vincitrici nell''82 del Concorso internazionale d'arpa di Tel-Aviv, è stata oggi chiamata a far parte della giuria.

Il programma
J.S. BACH (1685-1750)
Sonata in sol min. BWV 1020
Allegro – Largo – Allegro

L. SPOHR (1784-1859)
Sonata in do min.
Adagio – Allegro vivace
Andante – Allegro – Andante
Allegro

C. DEBUSSY (1862-1918)
Syrinx
per flauto solo
R. SHANKAR (1920)
L'Aube enchantèe

Gli artisti:
Allievo dei celebri flautisti Andrè Jaunet e Maxence Larrieu, MASSIMO MERCELLI a soli diciannove anni diviene primo flauto al Teatro La Fenice di Venezia, vince il Premio Francesco Cilea , il Concorso Internazionale Giornate Musicali e il Concorso Internazionale di Stresa . Ha suonato in alcune delle maggiori sedi concertistiche del mondo: Carnegie Hall di New York, Festival di Lubljana, Berlino, Santander, San Pietroburgo, alla Herculessaal ed al Gasteig di Monaco, al Teatro Colon di Buenos Aires, Beethoven Festival di Bonn, RAI di Torino e Napoli, Victoria Hall, San Martin in the Fields di Londra, Parco della Musica di Roma, Festival Cervantino,collaborando con artisti quali Yuri Bashmet, Jean-Pierre Rampal, Peter-Lukas Graf, Maxence Larrieu, Aurele Nicolet, Cecilia Gasdia, Anna Caterina Antonacci, Susanna Mildonian, Saulius Sondetkis, Anton Nanut, e con orchestre come i Moscow Soloists, la Lituanian National Sympony Orchestra, i Wiener Symphoniker, la European Union Chamber Orchestra,i Solisti della Scala, i Solisti di Salisburgo, l'Orchestra da camera di Mosca, l'orchestra dell'Opera di Roma, l'orchestra della Radiotelevisione Slovena, l' Orchestra Filarmonica di Riga. Direttore artistico e fondatore dell'EMILIA ROMAGNA FESTIVAL, dal 2001 fa parte del comitato direttivo della European Festival Association ed è membro della giuria in importanti concorsi internazionali quali Jean-Pierre Rampal di Parigi, il concorso di Ginevra, il Concert Artist Guil di New York, il Fischoff Chamber Music Competition USA. Tra i prossimi impegni figura l'esecuzione del concerto di Krzsystoff Penderecki sotto la direzione dell'autore stesso e le presenze nei festival di Gerusalemme, Rheingau, al Metropolitan e al Lincoln center di New York. PATRIZIA TASSINI si è diplomata a pieni voti e lode presso il Conservatorio G. Tartini di Trieste sotto la guida di Evelina Vio. Successivamente si è perfezionata in Francia al Conservatoire National Superieur de Lion, in Italia e negli USA dove ha ottenuto il Master Degree in Performance and Literature ed il Performance Certificate presso l'Eastman School of Music, University of Rochester (N.Y.). Vincitrice di vari concorsi nazionali ed internazionali, nel 1982 ha ottenuto il II premio al prestigioso Concorso in Israele e nel 1984 ha vinto il Concerto Competition Lily Laskine negli USA. Ha suonato con successo di critica e di pubblico come solista ed in formazioni cameristiche oltrechè in Italia, in parecchi Stati Europei, in Israele e negli USA. Vasta è la produzione radiofonica per la RAI e Radio France ed importanti sono le registrazioni tra le quali il cd Omaggio al Mittelfest in duo con il flautista Giorgio Marcossi. Collabora inoltre con i flautisti Massimo Mercelli e Maxence Larrieu. Ha fatto parte della giuria del Concorso Internazionale d'Israele e del Concorso Martine Geliot di Parigi. Attualmente è titolare di cattedra d'arpa presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine.

Info:
MuseoEbraico di Bologna
via Valdonica 1/5
telefono+39 0512911280
fax +39 051235430
info@museoebraicobo.it
www.museoebraicobo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.