Visita la vecchia versione della rivista su questo indirizzo http://www.musiculturaonline.it/musicult

Ritorna l’acclamata Rassegna Lirica Sanlazzarese


a cura della Redazione

Per il terzo anno, dal 13 ottobre al 10 novembre, torna a San Lazzaro (BO) la Rassegna Lirica Sanlazzarese organizzata da SOL OMNIBUS LUCET APS.

In seguito al successo ottenuto nel corso delle precedenti edizioni, torna la rassegna lirica sanlazzarese: gli spettacoli avranno nuovamente luogo presso la Sala Eventi di via Caselle 22 a San Lazzaro (BO) così come l’ingresso sarà sempre libero. Per la terza edizione di questa amata rassegna (ancora una volta a cura di SOL OMNIBUS LUCET APS) terranno compagnia al pubblico opere di compositori italiani.

Il 13 ottobre 2019 si inaugura con un capolavoro pucciniano: lo scorso anno toccò a La Bohème, quest’anno sarà invece la vota di Turandot. Gli spettatori saranno accompagnati in un favolistico mondo orientale dalle voci del tenore Domenico Peronace (Calaf) e dei soprani Eva Macaggi e Giada Maria Zanzi (che interpreteranno rispettivamente il ruolo del titolo e Liù), mentre la concertazione sarà affidata a Hiroko Takafuji.

Domenica 27 ottobre 2019 il buon umore la farà da…padrone con La serva padronadi Pergolesi! Vestiranno i panni dei due protagonisti Eugenio Maria Degiacomi, basso-baritono, e Giada Maria Zanzi, sotto la direzione musicale di Serena Perego, che sarà anche il maestro al pianoforte.

Il 10 novembre 2019 il sedicente “dottore” Dulcamara (il baritono Alessandro Branchi) cercherà di incantare i presenti col suo magico filtro: direttore musicale e maestro concertatore dello spettacolo sarà il giovane Fabio Luppi, che, insieme a Dulcamara, Nemorino (Domenico Peronace) e Adina (Giada Maria Zanzi) chiuderà la rassegna con una divertente messa in scena del celeberrimo melodramma giocoso donizettiano L’elisir d’amore.

I costumisti della SOL OMNIBUS LUCET APS vestiranno gli interpreti, le scenografie saranno di Luca Bianconcini, mentre per il supporto tecnico e le luci si ringraziano i tecnici e tutto il personale della Mediateca di San Lazzaro.

Per ulteriori informazioni sugli spettacoli:

Commenti

commenti