Visita la vecchia versione della rivista su questo indirizzo http://www.musiculturaonline.it/musicult

Conosciamo l’autore. L’edizione 2019 dedicata a Ennio Moricone


di Alberto Pellegrino

La XXVIII edizione 2019 della Rassegna “Conosciamo l’autore” di Matelica (MC) diretta artisticamente da Cinzia Pennesi è stata dedicata al compositore Ennio Morricone.

Cinzia Pennesi

La rassegna Conosciamo l’autore, giunta alla sua XXVIII edizione, per iniziativa della direttrice artistica Cinzia Pennesi ha voluto essere Un omaggio a Enrico Morricone, considerato ormai a livello internazionale il più grande compositore di musiche da film. La manifestazione si è svolta a Matelica il 23-24-25 luglio nella elegante e tradizionale cornice della Corte del Museo Piersanti e le tre serate sono state dedicate alle musiche da film, alle composizioni classiche e all’intera colonna sonora del Pianista sull’oceano di Giuseppe Tornatore con letture tratte dal romanzo Novecento di Alessandro Baricco.

Questo straordinario compositore, nato nel 1928, è autore di oltre 100 brani classici, ma soprattutto è noto nel mondo per aver composto le colonne sonore per grandi registi italiani e stranieri (John Carpenter, Brian De Palma, Barry Levinson, Oliver Stone, Quentin Tarantino), collezionando un Oscar alla carriera (2017) e un secondo Oscar nel 2016 per il film di Tarantino The Hateful Eight, tre Grammy Awards, quattro Golden Glober, dieci David Donatello, undici Nastri d’Argento, due Europen Film Awards e un Leone d’oro alla carriera. Inoltre il compositore ha venduto circa 70 milioni di dischi.

La prima serata è stata giustamente riservata alle composizioni cinematografiche di Morricone, a proposito delle quali egli ha dichiarato: “Devo cercare di realizzare una colonna sonora che piaccia sia al regista, sia al pubblico, ma soprattutto deve piacere anche a me, perché altrimenti non sono contento. Io devo essere contento prima del regista. Non posso tradire la mia musica”.

Forse il segreto del suo straordinario successo è racchiuso proprio in questa sua ultima frase, perché Morricone, pur conciliando le varie esigenze di una complessa creazione filmica, non ha mai tradito la sua vocazione artistica, componendo delle musiche che non sono state soltanto un semplice commento all’azione filmica, ma hanno aggiunto valore e significato all’intera opera cinematografica. Sono stati eseguiti brani tratti da varie colonne sonore in modo da costituire un quadro non certo completo ma senz’altro rappresentativo della vasta produzione di Morricone. Naturalmente hanno occupato un posto d’onore brani tratti dai più celebri film di Sergio Leone: Per un pugno di dollari, Il buono il brutto il cattivo, Giù la testa, C’era una volta il west, C’era una volta in America.  A rappresentare altri autori sono stati scelti altri pezzi estratti dalle colone musicali dei film Sacco e Vanzetti di Giuliano Montaldo, The Mission di Roland Joffé, Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore. Tutti i brani sono stati accompagnati e sottolineati da un efficace ed esauriente montaggio di immagini estrapolate dai rispettivi film in programma. L’aspetto particolarmente interessante del concerto è indicato dal suo sottotitolo Cento voci per Morricone, perché per una felice intuizione artistica sono state musicalmente assemblate, sotto la direzione del M° Cinzia Pennesi, le voci di tre diverse corali che hanno eseguito all’unisono con la necessaria passione e la dovuta forza espressiva tutte le composizioni in programma. Alla storica Corale Polifonica Armando Antonelli di Matelica (fondata nel 1984), si sono aggiunte per l’occasione la Corale Polifonica Città di Porto Sant’Elpidio, nata nel 2002 e diretta dal M° Sauro Argalia, la Corale Piero Giorgi di Montecassiano (costituita nel 1997), diretta dal M° Augusto Cingolani. Tutti i brani eseguiti sono stati accompagnati al pianoforte da Sauro Argalia, al violino/viola da Laura Pennesi, alla tromba da Stefano Moro, al clarinetto da Antonio Cingolani. Per alcune composizioni si è aggiunta agli strumenti e alle corali la bella voce del soprano Loredana Giacobbe.

Commenti

commenti