Visita la vecchia versione della rivista su questo indirizzo http://www.musiculturaonline.it/musicult

Il Balletto del Teatro Mariinskij protagonista della “Trilogia d’Autunno” del Ravenna Festival

Dal 2 all’8 ottobre al Teatro Alighieri saranno portati in scena “Il lago dei cigni”, “Giselle” e “Trittico ‘900”.


Redazione

La XXV edizione di Ravenna Festival si concluderà a ottobre con una nuova “Trilogia d’Autunno” che avrà come protagonisti il Balletto – e l’Orchestra Giovanile diretta da Boris Gruzin – del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, senza dubbio tra le più celebrate compagini di danza classica nel mondo, la cui eccellenza non è mai stata messa in discussione negli oltre 150 anni della sua storia. È, infatti, in quella che è stata definita la “Venezia del Nord”, che si conserva uno dei tesori più preziosi della Russia: il balletto. A San Pietroburgo, la meravigliosa città fondata da Pietro il Grande sulla foce della Neva, è nata, infatti, la leggendaria compagnia di balletto che, da qui, continua a proporre al mondo il meglio della danza classica, come se la bellezza architettonica e l’aria aristocratica della più europea delle grandi città russe si riflettessero nello stile del Mariinskij, tutto armonia di forme e linee.
Questa nuova “Trilogia” delinea l’odierna fisionomia della storica compagnia, che può vantare “figlie e figli d’arte” del calibro di Anna Pavlova, Vaclav Niinskij, Rudolf Nureyev, Natalija Makarova e Michail Baryshnikov, solo per citarne alcuni.
Un progetto pensato appositamente per il Ravenna Festival che prevede il succedersi serrato, giorno dopo giorno, di spettacoli diversi, e che non ha precedenti anche per lo stesso Mariinskij che sarà in scena al Teatro Alighieri dal 2 all’8 ottobre.
L’apertura è affidata al classico tra i classici del repertorio russo: Lagodeicigni_RavennaFestival_MusiculturaonlineIl lago dei cigni (2, 3 e 7 ottobre ore 20.30), con la coreografia di Petipa e Ivanov su musica di Pëtr Il’ic Cajkovskij. Un successo di fama planetaria che incarna tutti gli ideali del tardo Romanticismo: un principe (interpretato da Xander Paris nella recita del 2, da Yevgeny Ivanchenko il 3 e da Kimin Kim il 7) combattuto tra l’ideale di un amore puro e la passione carnale, con due personaggi femminili agli antipodi la pura Odette e la perfida Odille e, mentre la prima porta sul palcoscenico una danza eterea e raffinata, la seconda stupisce con i virtuosismi più estremi (Olga Esina il 2 ottobre, Anastasia Kolegova il 3 e Viktoria Tereshkina il 7).
Giselle_RavennaFestival_MusiculturaonlineGiselle (5 ottobre – con doppia recita alle 15.30 e 20.30 – e 6 ottobre alle 20.30) su musica di Adolphe Charles Adam e coreografie di Petipa, Jean Coralli e Jules Perrot, capolavoro del balletto romantico francese proprio dal Mariinskij preservato grazie alle redazioni di Petipa, rivela il volto lirico della splendida troupe. L’archetipo del balletto classico, nato dalle idee romantiche di Gautier e rivestito della musica di Adam; prima opera dalla forza originale nell’arte tersicorea dell’Ottocento, è stato interpretato, nel corso della storia, dalle più grandi étoiles. A Ravenna nel ruolo della protagonista si alterneranno Kristina Shapran (nella pomeridiana del 5), Anastasia Kolegova (nella serale del 5) e Oksana Shoryk (6 ottobre). Il Conte Albrecht, che si contende la bella contadina con il guardiacaccia Hans, sarà interpretato da Kimin Kim (5 ottobre pomeridiana), Yevgeny Ivanchenko (recita serale del 5) e Xander Paris (6 ottobre).
Chopiniana_Trittico'900__RavennaFestival_MusiculturaonlineTrittico ’900 (4 e 8 ottobre sempre alle 20.30) recupera infine una storia interrotta: con “Chopiniana” (Les Sylphides) su musiche di Chopin, preludio della modernità, coreografia di Fokin che al Mariinskij vide la luce e a Ravenna presentato nella versione di Agrippina Vaganova; l’abbacinante “Apollo”, manifesto del neoclassicismo, e lo scintillante “Rubies”, gioiello della parure Jewels, entrambi firmati da Balanchine (su musiche di Stravinskij), il fondatore del balletto americano cresciuto alla Scuola imperiale di San Pietroburgo.
La Trilogia d’Autunno è realizzata con il sostegno del Comune di Ravenna, della Regione Emilia-Romagna e del Ministero dei Beni Culturali, con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e di un mecenate ‘amico del festival’, il signor Hormoz Vasfi e con la partnership di un gruppo di aziende da anni al fianco del Festival (CMC Ravenna, Unicredit, Gruppo Nettuno, Unipol Banca e Yoox.com).

Prezzi:
Carnet (3 spettacoli): da 54 a 180 euro
Biglietti: da 20 a 80 euro (I giovani al Festival: under 14 – con adulto: 5 euro; 14-18 anni sconto 50% sulle tariffe ridotte).

Per maggiori informazioni:
Biglietteria Ravenna Festival tel. 0544 249244
tickets@ravennafestival.org
www.ravennafestival.org

Commenti

commenti