Visita la vecchia versione della rivista su questo indirizzo http://www.musiculturaonline.it/musicult

47 opere esposte per il Concorso Internazionale “-35 MilanoVetro”

Le 47 opere finaliste del Concorso Internazionale “-35 MilanoVetro” sono esposte fino al 5 luglio al Castello Sforzesco di Milano, nella Sala della Balla.


a cura di Andrea Zepponi

Dr.ssa Francesca Tasso e assessore Filippo Del Corno

Prorogata fino al 5 luglio 2018 al Castello Sforzesco di Milano, nella Sala della Balla, l’esposizione di 47 opere finaliste della prima edizione del Concorso Internazionale -35 MilanoVetro, di vetro artistico e di design, rivolto a giovani artisti e designer che ha avuto la partecipazione di oltre 100 artisti di diverse   nazionalità. L’iniziativa si deve alla collaborazione  tra il Castello Sforzesco e il collezionista Sandro Pezzoli che, nell’attigua Sala Castellana, ha già realizzato una mostra permanente di vetri contemporanei che fanno parte della collezione Bellini Pezzoli ceduta nel 2017 al museo milanese. Il 14 maggio 2018 scorso, con una cerimonia pubblica e una prolusione della dr.ssa Francesca Tasso Conservatore Responsabile Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, in occasione dell’inaugurazione della mostra delle opere finaliste, sono stati proclamati i vincitori dei quattro premi in palio: il premio-acquisizioneAldo Bellini”, premio per l’innovazione “Enrico Bersellini” che prevede due residenze d’artista e premio inspirational, con una residenza d’artista. L’opera insignita del premio “Aldo Bellini” entra a far parte delle collezioni civiche del Castello Sforzesco di Milano. Sono state inoltre assegnate quattro menzioni speciali alle opere più meritevoli.
Il Castello Sforzesco possiede oggi, anche grazie al deposito della collezione Bellini-Pezzoli, una delle più vaste, complete e aggiornate collezioni di vetro artistico in Italia e il concorso internazionale -35 MilanoVetro, che è alla sua prima edizione e avrà cadenza biennale, si propone come ulteriore attività di valorizzazione del vetro contemporaneo sia nell’ambito artistico sia nel design contemporaneo e ha come obiettivo l’incoraggiamento e il sostegno dell’attività vetraria presso i giovani.
Tutto ha avuto inizio il 10 settembre 2017, quando il Castello Sforzesco di Milano, in collaborazione con il collezionista Sandro Pezzoli, da sempre promotore di iniziative legate al vetro, e con il supporto di Enrico Bersellini, Silvia Levenson, Aristide Najean, Matteo Seguso e Marina e Susanna Sent, ha bandito la prima edizione di un concorso internazionale di vetro artistico e di design per giovani artisti, che non avessero ancora compiuto 35 anni.
La premiata opera The Tower, di Anna Mlasowki, come premio-acquisizione entra così a far

Premio-acquisizione “Aldo Bellini” Anna Mlasowsky “THE TOWER” 24 x 26,6 x 24 cm Pasta di vetro modellata a mano Moldless pâte de verre.

parte delle notevoli collezioni di vetro artistico del Castello Sforzesco. Il valore incentivante alla creazione artistica dei giovani artisti è stato espresso in primo luogo dal premio per l’innovazione intitolato “Enrico Bersellini” che consiste in due soggiorni a Murano per uno stage di soffiatura presso la fornace La cattedrale dell’artista francese A. Najean, assegnato a Dylan Martinez, autore dell’opera H2O/SiO2

Premio “Enrico Bersellini” Dylan Martinez “H2O/SiO2” 51 x 36 x 25 cm Scultura in vetro massello e cavo, lavorato a mano.

e, dall’altro, quello di incisione vinto da Valentina Verde con il suo pezzo Senza titolo. Lo spirito del concorso mira inoltre a riconoscere, a livello internazionale, gli approfondimenti delle diverse tecniche vetrarie con premi assegnati in tal senso, come quello per la fusione a cera persa andato a Marina Hanser come premio inspirational con la sua opera Conceal/Reveal II, che prevede uno stage presso lo studio dell’artista argentina Silvia Levenson da molto tempo attiva e residente in Italia. Le menzioni speciali sono state attribuite agli artisti Ida Wieth per l’opera Both Sides Now, a Rebecca Quintavalle per l’opera Senza Nome, Nº5, a Jinya Zhao  per l’opera Foggy e infine a Sally Viganò per l’opera Find Your Happiness.

Info:
Milano, Castello Sforzesco Cortile della Rocchetta, Sala della Balla
orario: 9-17.30 martedì-domenica, chiuso il lunedì

 

Kamila Mróz “DEVOURER” 26 x65 x 39 cm Vetro lavoratoa lume, lampada a catodo freddo, taglio al plasma, saldatura ad elettrodo rivestito. Flameworking, cold cathode discharge tube technology, plasma cutting, shielded metal arc welding.
MENZIONE SPECIALE Jinya Zhao “FOGGY” Diametro 20 cm Vetro fuso e inciso Melt and engraved glass

Commenti

commenti